ISRAELE: MATERNITÀ SURROGATA ANCHE PER LE COPPIE OMOSESSUALI

La Corte Suprema ha decretato l’abbattimento del divieto anche per gli uomini single

1626036974Copertina.jpg

Storica sentenza dalla Corte Suprema israeliana, che segna un significativo passo in avanti nella lotta per i diritti LGBT+. Da adesso, le coppie omosessuali e gli uomini single potranno accedere alla cosiddetta “maternità surrogata”, in cui la gestazione è portata avanti da un’altra persona. Il relativo divieto che era in vigore per queste categorie dovrà essere rimosso entro 6 mesi; per gli eterosessuali e le donne single è già possibile diventare genitori grazie a tale pratica.

cms_22483/Foto_1.jpg

Già l’anno scorso la Corte Suprema aveva reputato incostituzionale l’evidente discriminazione per uomini single e coppie dello stesso sesso, allertando la Knesset, il parlamento israeliano. Quest’ultimo è dominato da una maggioranza di conservatori ed ebrei ultraortodossi, pertanto ogni tentativo di cambiare la legge era stato rigettato; ma stavolta la Corte Suprema ha decretato che il cambiamento dovesse avvenire in forma obbligatoria.

cms_22483/Foto_2.jpg

La lotta per accedere alla maternità surrogata da parte delle coppie omosessuali affonda le sue radici nell’ultimo decennio. Tutto partì quando nel 2010 Etai e Yoav Arad-Pinkas, due uomini gay, si appellarono a un tribunale chiedendo che fosse loro riconosciuto tale diritto. La loro richiesta fu negata, ma perseverarono tornando a fare appello nel 2015, sostenuti dalle associazioni LGBT+. C’è da dire che Israele è il paese più “avanti” in materia di diritti civili in Medio Oriente, combattendo costantemente la presenza di un’accanita comunità ultraortodossa.

Anna Maria Stanca

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos