Il futuro del giornalismo è il giornalismo costruttivo

giornalismo_costruttivo.jpg

Molti giornali insistono nel riportare un diluvio di notizie tragiche e nefaste in maniera maniacale, perché convinti che sono le brutte notizie a fare notizia, mentre le storie belle sono quelle meno interessanti che nessuno legge. Così facendo le nostre giornate sono incorniciate da fallimenti, omicidi, violenze, malattie, inondazioni ecc. Tutta questa negatività porta alla rinuncia alla paura e alla fine all’abbandono della lettura dei giornali. Molti studi e ricerche hanno ormai ampiamente dimostrato che le buone notizie fanno bene per i loro effetti psicofisici.

cms_3271/foto_2_.jpg

Per fortuna esistono professionisti dell’informazione che hanno preso coscienza del problema rendendosi conto che così facendo si va nella direzione di una drammatizzazione della realtà, quindi ora più che mai servono nuove modalità per fare informazione. Il giornalismo costruttivo è dunque questo: un modo nuovo diverso proiettato all’ottimismo, questo non significa che il giornalismo deve dare solo belle notizie, ma cambiare l’attitudine nel modo di scrivere gli articoli, offrendo ai lettori prospettive orientate alle soluzioni. Il giornalismo costruttivo nasce dall’esigenza condivisa di un gruppo internazionale di esperti del mondo dell’informazione di promuovere una modalità che pur rimanendo accurata e certa sia impegnata nel riportare informazioni costruttive ossia orientate a suggerire le soluzioni ai problemi denunciati, sensibilizzando e coinvolgendo il lettore. L’obiettivo è dare risposte credibili ai vari problemi sociali, dando una particolare rilevanza al "come" scavando in profondità nei fatti, mostrando anche gli angoli nascosti, quindi le storie diventano uno strumento utile per aiutare il lettore a migliorare il modo di affrontare i problemi.

cms_3271/foto_3_.jpg

Da questa esigenza è nato un network globale di professionisti dell’informazione impegnati nello sviluppo e nella diffusione di un giornalismo che sia al servizio dell’umanità TMI. Buonenotizie.it è l’unica realtà italiana che a giugno 2014 è divenuto partner del network TMI e insieme svolgono un lavoro di implementazione con ricerche, esperienze e storie atte a migliorare la diffusione delle notizie. Il loro motto è "Desideriamo ispirare le persone attraverso la visione di un mondo migliore." Questo giornalismo si basa su un nuovo approccio alla professione giornalistica tradizionale, ponendo in evidenza le soluzioni piuttosto che la descrizione secca e sterile dei fatti. Vediamo quali sono i parametri per costruire una buona notizia "good news.":

- riflettere sul fatto che dietro una buona notizia ci sono sempre delle persone;

- evitare toni sensazionalistici, ma scavare dentro la notizia senza fermarsi alla superficie;

- spiegare chi sta facendo qualcosa per risolvere il problema e in che modo;

- avere un approccio critico, ma costruttivo non distruttivo.

Questo potrebbe essere il primo passo per un cambiamento e come per tutti i cambiamenti abbiamo molta strada da fare con ottimismo ovviamente.

Tina Camardelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App