L’ENERGIA ORGONICA SCOPERTA DA REICH

Chi era il medico che scoprì l’orgone, padre delle moderne terapie energetiche e inventore della “liberazione sessuale”

ENERGIA_ORGONICA_SCOPERTA_DA_REICH.jpg

Non ha massa, ma è presente ovunque e riempie tutto lo spazio.L’energia orgonica si trova nella vita: movimento animale, biogenesi, riproduzione, evoluzione e crescita. Nella coscienza: sensazione, emozione, percezione e pensiero. Nei processi cosmici e atmosferici: nuvole, temporali, atomo, stella, pianeta e galassia. Mesmer la chiamava magnetismo animale, Bergson parlava dell’”elan vital", forza vitale. Reich la chiamò orgone.Ci sono donne e uomini che hanno vissuto in periodi storici ad essi non appartenenti , distanti anni luce dal contesto in cui vivevano. Menti illuminate da idee e scoperte rivoluzionarie, troppo premature per il tempo culturale e sociale in cui stavano vivendo. Molti di loro sono stati perseguitati, derisi, oltraggiati, emarginati e le loro ricerche ignorate, sminuite, manipolate affinché sembrassero fasulle e incomprensibili. Solo a distanza di anni o secoli, il coraggioso lavoro di queste menti eccelse è stato rivalutato e riconosciuto valido. Alla luce di questi orrori che l’umanità ha perpetrato nel tempo, vogliamo ricordare l’allievo più brillante di Freud, sopravvissuto a due guerre mondiali, che fece infuriare nazisti, società ortodossa, comunità psicoanalitiche, mediche e scientifiche in tutto il mondo, ma che soprattutto ci ha fornito i pezzi per completare il più grande puzzle chiamato "Vita".

cms_4924/2.jpgWilhelm Reich, medico psichiatra, nacque in Austria nel 1897, i suoi esperimenti lo avevano convinto dell’esistenza effettiva di un’energia vitale, simile all’elettricità, ma distinta, responsabile della pulsazione biologica che dà vita sulla Terra che chiamò orgone. Lavorò per anni a dimostrarne le leggi e a studiarne le sue manifestazioni. I suoi studi racchiusero 40 anni di lavoro, in 6 paesi differenti. Secondo lui la causa delle malattie in genere e del cancro era proprio la mancanza di questa energia vitale. Nel suo libro "La Biopatia del cancro" documentò accuratamente il suo lavoro riguardante il trattamento di diversi pazienti terminali, giudicati insanabili dalla medicina ufficiale. Molti di questi pazienti guarirono. La sua scoperta fu definita da Albert Einstein “una bomba per la fisica”. Purtroppo dovette subire un’indegna censura da parte degli Stati Uniti e tutti i suoi libri, oltre ai manoscritti personali, furono bruciati dalla Food and Drug Administration, ente governativo che si occupa tutt’ora della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici. E’ paradossale come qualcosa che si riteneva inutile ed inesistente abbia potuto suscitare un tale accanimento, da costituire una minaccia. Perché tanta paura?

cms_4924/3.gifLe teorie di Reich furono definite eccentriche nel momento in cui escogitò un dispositivo chiamato "accumulatore orgonico", un mezzo per stimolare il movimento di energia, scioglierla dai blocchi e ridistribuirla. Si trattava di una cabina simile a quella telefonica, abbastanza grande da includere una persona seduta al suo interno, ricoperta di metallo costituito con strati alternati di sostanze organiche e inorganiche, coibentata con lana d’acciaio. In seguito ipotizzò una correlazione funzionale tra il fluire dell’energia nel corpo umano e l’orgasmo, promettendo un’utopia orgasmica. Alla fine degli anni ‘40 si impose come il profeta del sesso e dell’anarchia. Sebbene apprezzato da molti medici e artisti che a loro volta sperimentarono con successo l’accumulatore orgonico, questo approccio eccentrico, oltretutto favorevole alla sessualità libera e contro la monogamia, scandalizzò il pubblico americano ortodosso e conservatore. Fu arrestato per errore e rilasciato dopo due anni.

cms_4924/4.jpgLibero, rivolse la sua attenzione agli UFO e alle energie negative, fu di nuovo imprigionato. Gli si imputava di aver creato gli accumulatori per frodare la gente, dunque se ne vietò la diffusione. Reich si rifiutò di presentarsi davanti alla Corte di Giustizia, affermando che le verità scientifiche si evidenziano e si provano davanti agli esperimenti e non nelle aule del tribunale. Morì in carcere nel Novembre del 1957, si dice in seguito ad un infarto, accusato di essere un medico impostore, impegnato nell’organizzazione di attività sessuali illecite. Aveva 60 anni. Le sue idee però non morirono con lui. Altre menti coraggiose le ereditario, addivenendo al convincimento che l’informazione biologica non venga trasmessa solo per via biochimica, ma anche per via elettromagnetica, attraverso il campo energetico universale.“Il più grande ostacolo al progresso è la paura: paura di perdere il controllo e i privilegi, paura di vedere infrangere le proprie certezze, paura del cambiamento, paura della stessa vita. La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono sacro”. (A. Einstein).

Tina Camardelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App