L’ITALIA BATTE LA BOSNIA E STACCA IL PASS PER LE ‘FINAL FOUR’

Una vittoria meritata impreziosita dalle "perle" di Belotti e Berardi

1_ITALIA_.jpg

Dopo il meritato successo ottenuto contro la Polonia, l’Italia batte - nell’ultima giornata del girone di qualificazione del Gruppo 1 di Lega A della Nations League - anche la Bosnia (2-0) e si qualifica per la fase finale del torneo chiudendo al primo posto in classifica con 12 punti, seguita da Olanda (11), Polonia (7) e Bosnia (2).

Tre punti importanti per gli azzurri che conquistano, così, la terza vittoria di questa edizione di Nations League, nonché il 22mo risultato utile consecutivo (con 17 vittorie e 5 pareggi). Diversa, invece, la situazione della Bosnia che già retrocessa nella Lega B della Nations League, lascia questa competizione senza aver mai vinto (4 sconfitte e due pareggi).

Ma questo successo vale molto di più. L’Italia, infatti, in quanto nazione vincitrice del Gruppo 1, diventa il paese ospitante e organizzatore delle prossime Final Four di ottobre e, allo stesso tempo, si candida per un posto tra i primi 10 del ranking Fifa.

cms_20028/2_Mancini_Ftg_IPA_OK.jpg

Merito senz’altro di tutta la squadra e dell’intero staff, ma soprattutto di un grande CT come Mancini (ancora in quarantena) che in questi due anni circa, ripartendo dai giovani, è riuscito a risollevare dalle ceneri la Nazionale riportandola, con merito, tra le prime d’Europa. E l’aver raggiunto questi risultati - senza aver mai fatto pesare in questi giorni la sua assenza - è senza dubbio un valore aggiunto.

LA PARTITA IN SINTESI

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

Con il 4-3-3 il CT della Bosnia, Bajevic manda in campo: Piric; Corluka, Hadzikadunic, Sanicanin, Kadusic; Cimirot, Pjanic, Gojak; Tatar, Prevljak, Krunic.

Con lo stesso modulo il vice CT dell’Italia, Evani, schiera: Donnarumma; Florenzi, Acerbi, Bastoni, Emerson; Barella, Jorginho, Locatelli; Berardi, Belotti, Insigne.

Come da pronostico, dunque, gli azzurri - guidati anche questa volta dal fedelissimo vice C.T. Alberico Evani - superano abbastanza agevolmente anche la Bosnia con un gioco offensivo fatto di qualità e carattere.

Allo “Stadion Grbavica” di Sarajevo, infatti, dopo un avvio abbastanza equilibrato, l’Italia passa in vantaggio con un gran gol di Belotti (22’) su perfetto assist di Insigne e subito dopo sfiora il raddoppio con un tiro dal limite di Berardi (25’) neutralizzato da Piric. La Bosnia reagisce, ma Prevljak (38’), da due passi, si fa respingere la sfera da un ottimo Donnarumma. Gli azzurri, però, rispondono immediatamente con Insigne (39’) che colpisce il palo più lontano al termine di una prolungata azione personale. Nella ripresa l’Italia è costantemente nella metà campo bosniaca e così, dopo aver costruito altre potenziali occasioni da rete, raddoppia meritatamente con una prodezza di Berardi (67’) abile a sfruttare un preciso assist di Locatelli. Un gol che fissa il punteggio sul risultato di 2-0.

(Foto da figc.it e adnkronos.com Ipa e Fotogramma - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos