L’AMARO ANNUNCIO DI MARINE LE PEN

“Non correrò mai più alle presidenziali”

1652575630AMARO_ANNUNCIO_DI_MARINE_LE_PEN(FRANCIA_Licenze_Creative_Common).jpg

cms_26039/0.jpgIn un’intervista a Le Figaro, Marine Le Pen annuncia che, dopo tre tentativi di diventare presidente della Repubblica, non correrà più alle elezioni presidenziali.

Nonostante la sconfitta e la poca chiarezza da parte del suo avversario Emmanuel Macron, Le Pen ci tiene a sottolineare che il popolo francese l’ha scelta come “prima oppositrice del vincitore”. Di conseguenza la partecipazione a tre presidenziali ha rappresentato un grande risultato per il partito Rassemblement National, che ha implementato le proprie idee crescendo dal 18 al 42% nel corso di 10 anni.

Il movimento, prima forza d’opposizione, ha avuto una forte evoluzione, come la società e il paese stesso, adattandosi a nuove e grandi sfide ma anche pericoli come transizioni demografica, economica, ecologica e tecnologica. L’ideologia su cui si stanzia il ruolo del Rassemblement National riguarda da una parte concepire il progetto nazionale del XXI secolo, dall’altra far emergere una nuova élite. Secondo Marine Le Pen infatti, rimanere ancorato alla vecchia élite è uno dei fallimenti dell’attuale presidente Macron, il quale non è riuscito a far emergere nessuno di nuovo.

cms_26039/Foto_1.jpg

Tuttavia bisogna ritrovare un funzionamento democratico normale, esigente e maturo. Per quanto riguarda la leadership nel Rassemblement National, Marine Le Pen afferma che se ne parlerà dopo le legislative ma degno di nota sembrerebbe Jordan Bardella, che guida il partito da quando Le Pen ha cominciato la campagna elettorale.

Non può continuare ad essere normale che la prima forza di opposizione si ritrovi, come negli ultimi cinque anni, con solo sei deputati. Per le legislative che a giugno rinnoveranno il parlamento francese, Le Pen si è posta obiettivi precisi: implementare la democrazia al fine da avere le capacità, i poteri, che sono quelli dell’opposizione. Non si tratta soltanto di avere un gruppo, ma di avere tutti i mezzi messi a disposizione dell’opposizione in una democrazia viva. Come, ad esempio, il potere di investire il Consiglio Costituzionale, il che significherebbe avere almeno 60 deputati.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos