L’ISPRA CONFERMA: IL LOCKDOWN GIOVA ALL’AMBIENTE

Nel 2020 -9,8% emissioni gas serra in Italia

1614120236Copertina.jpg

Le ipotesi che erano state avanzate circa il migliore “stato di salute” dell’ambiente nel corso del lockdown vengono oggi confermate dalle stime dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra): il 2020 ha segnato una riduzione del 9,8% dei gas serra in Italia rispetto all’anno precedente. Un evento certamente riconducibili alle pesanti misure di restrizione volte a contendere l’emergenza sanitaria da Covid-19, che hanno determinato questo positivo “effetto collaterale”.

cms_21068/Foto_1.jpg

Per la definizione - si precisa - servono ancora alcune informazioni ma l’abbattimento delle emissioni dovrebbe essere stato del 9,8% a fronte di una riduzione prevista del Pil dell’8,9%”. Cosa, quest’ultima, che conferma il "disaccoppiamento" tra andamento emissioni e indice economico.

cms_21068/Foto_2.jpg

Secondo l’Istituto "l’andamento stimato è dovuto alla riduzione delle emissioni per la produzione di energia elettrica" con un "meno 12,6%". Ma anche "per la minore domanda di energia", e per "la riduzione dei consumi energetici anche negli altri settori" come nell’industria con un "meno 9,9%", nei trasporti con un "meno 16,8%" a causa della riduzione del traffico privato nelle città, e per il riscaldamento con un "meno 5,8%" per via della chiusura parziale o totale degli edifici pubblici e delle attività commerciali. I dati ufficiali definitivi dell’Ispra per il 2019 mostrano "una diminuzione delle emissioni di gas serra rispetto al 2018 del 2,4%, mentre nello stesso periodo si è registrato una crescita del Pil pari allo 0,3%". Confrontando questo elemento con la stima di riduzione delle emissioni per il 2020 e il Pil - spiega l’Istituto - "si conferma, in linea generale, il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni e la tendenza dell’indice economico".

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos