L’AMOUR DEN’ AL CARTON

amore_dentro_il_cartone_NR_13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE_prima_-_Copia.jpg

cms_20006/0.jpg

L’amour den’ al carton (in dialetto abbiatense)

In de la stamberga de carton pien de cartasc do’ che dormevi, a feva ’n frecc de la madonna.

Quella nott lì, hoo pissaa on candelin.

Sevi sul, tropp sul inscì per mì.

A l’hoo faj per rigordà on amour ch’el gh’eva puu, ch’el ma scaldeva, lì ’rent a mì.

E l’è inscì, intant che la guardevi, cicin content, che ma som indormentaa.

La mattina quella dopo, in tant hann vorsuu savè ’se che cristo l’eva success.

Han trovaa domà la scender.

Traduzione:

L’amore dentro il cartone

Nella baracca di cartone piena di cartacce dove dormivo, faceva un gran freddo.

Quella notte ho acceso un candelino.

Ero solo, troppo solo.

L’ho fatto per ricordare un amore che non c’era più, che mi scaldava, lì vicino a me.

Ed è così, mentre lo guardavo, un po’ contento, che mi sono addormentato.

Il mattino dopo, in tanti han voluto sapere cosa era successo.

Hanno trovato solo cenere.

 

Luis Balocchi

Tags:

Commenti per questo articolo

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos