LA COSCIENZA COLLETTIVA

(parte prima)

29_8_2020_Simona_HeArt.jpg

La COSCIENZA COLLETTIVA può essere definita come l’insieme di norme, valori e comportamenti comuni in una Società.

Il campo morfico è un campo quantico che contiene tutte le informazioni di una determinata specie: tutti vi sono collegati e tutti vi entrano in relazione. Prende appunto il nome di coscienza collettiva, ovvero un’unica coscienza fatta dalla coscienza di tutti gli individui.

L’esistenza dei campi morfici è stata dimostrata da diversi studiosi, tra cui Rupert Sheldrake.

Quest’ultimo, studiando il comportamento delle scimmie, notò che quando un gruppo di questi animali imparava qualcosa, automaticamente questa informazione si trasferiva in breve tempo a tutti i suoi simili. Ma non solo. Si accorse anche che quando alcuni esemplari, che si trovavano nel sud del pacifico, imparavano, ad esempio, a sbucciare le patate prima di mangiarle, poco tempo dopo anche le scimmie (della stessa specie) che si trovavano nelle isole giapponesi, facevano lo stesso.
Questo dava ad intendere che l’informazione acquisita da un gruppo di esseri si trasferisse automaticamente anche agli altri esseri della stessa specie.
Lo stesso vale per gli esseri umani: una rete invisibile collega l’intera umanità ed è in grado di reagire agli eventi importanti che accadono nel mondo.

Insomma, siamo CONNESSI!

cms_18840/FOTO_1_.jpg

Questo concetto non è “un’invenzione new age” ma affonda le sue radici nei tempi antichi: i filosofi greci la chiamavano “Anima Mundi”.

Essi sostenevano che ogni realtà, anche apparentemente inanimata, contiene una presenza spirituale, collegata all’anima del Tutto, ovvero un campo di energia (la Matrix Divina) che mette in relazione la sfera materiale e quella spirituale. «La “Matrix Divina” funzionerebbe come un computer cosmico cosciente, utilizzando le emozioni e credenze di ogni uomo per creare la Realtà.» (Gregg Braden)

Il concetto di coscienza collettiva si integra a quanto viene definito come noosfera, ossia la “sfera del pensiero umano”.

Secondo Vladimir Vernadsky (mineralogista e geochimico russo che ne introdusse il concetto), la noosfera è la terza fase di sviluppo della Terra, successiva alla geosfera (materia inanimata), la quale si evolse in biosfera (vita biologica).

Con la comparsa delle conoscenza, la biosfera stessa subì cambiamenti radicali fino a favorire lo sviluppo della noosfera.

Partendo da questo concetto, il gesuita filosofo Pierre Teilhard de Chardin, arrivò a definire la noosfera come una «coscienza collettiva che scaturisce dall’interazione fra il pensiero delle menti umane» (cit.)

cms_18840/FOTO_2.jpg

L’organizzazione e l’interazione degli esseri umani in reti sociali sempre più complesse,hanno fatto sì che la noosfera abbia acquisito maggior consapevolezza.

Più gli individui saranno consapevoli, più saranno in grado di influenzare tutta la popolazione. È stato infatti provato scientificamente che basta un campo di coscienza unificato pari all’1% della popolazione affinché ci sia un’evoluzione generale del pianeta. Quindi aumentando la propria consapevolezza personale, aumenta anche nella coscienza collettiva - e viceversa - per effetto di risonanza.

Ciò che sorprende non è tanto che la scienza abbia scoperto l’esistenza della COSCIENZA COLLETTIVA, ma che ad affermarne l’esistenza sia la prestigiosa Università di Princeton, assolutamente non incline nel fornire dati che non siano sicuri al 100%.

Tutto ciò ha implicazioni anche nel campo della metafisica e della religione: ecco una bella sfida in cui scienza e religione sono chiamate a lavorare insieme per il bene dell’umanità!

cms_18840/FOTO_3.jpg

Questa scoperta, scaturita da 14 anni di studi serrati, si basa sul monitoraggio di dati forniti da elaboratori informatici disseminati in tutto il mondo: questi hanno evidenziato che che particolari eventi collettivi hanno emozionato in maniera positiva o negativa l’umanità intera. I cambiamenti più significativi, infatti, avvengono durante grandi tragedie o grandi celebrazioni.

Potremmo ripetere l’esperimento oggi: in che modo l’avvento del Covid-19 ha modificata la coscienza collettiva? Verso quale società ci stiamo muovendo? Come pensiamo il mondo futuro?

È tutto nelle tue mani: se tu cambi, anche il mondo cambierà!

Simona HeArt

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App