LA DIGITAL REVOLUTION

I selfie ci fanno apparire “diversamente belli”

LA_DIGITAL_REVOLUTION.jpg

La digital revolution ha cambiato il modo di percepire ogni cosa, facendoci entrare in conflittualità persino con la nostra immagine. Il nuovo trend di bellezza è ricorrere all’aiuto del chirurgo estetico per apparire al top e piacere a sé e agli altri. E’ sorprendente che a soffrire di sindrome del diversamente bello siano persino i giovani. L’impatto di questo fenomeno sulla medicina estetica viene esposto dal Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime), in questi giorni presente a Roma e giunto alla sua quarantesima edizione.
Il presidente della Sime Emanuele Bartoletti, ci fa sapere in un suo intervento che “sono numerose le pazienti che arrivano dal medico per chiedere di correggere inestetismi inesistenti, rintracciati in un selfie scattato con un’inquadratura improbabile, e spesso solo perché il selfie è stato realizzato con una prospettiva che distorce i tratti”.

cms_12877/2.jpg

Il fenomeno del non piacersi tocca indistintamente tutti: donne e uomini di ogni età. Chi richiede interventi estetici, solitamente lo fa percependo il disagio delle conseguenze fisiche relative all’invecchiamento; lo fa per piacersi di più e migliorare anche l’autostima, eliminando stress emotivo, tristezza e paura di non essere gradito agli altri.

Dal Congresso emerge inoltre che gli interventi estetici sono richiesti abbondantemente dagli over 70, con una fetta di mercato che si sta ampliando e continuerà ad aumentare, in quanto gli anziani di oggi sono sempre più attivi e la vita si è allungata.

cms_12877/3.jpg

Il meglio per tutti sarebbe procedere verso interventi che migliorino le condizioni di salute (per esempio realizzando un intervento di rinoplastica per rettificare la linea del naso e nel contempo correggere disturbi respiratori). Ma la ricerca del bello ci porta spesso ad osare e ad abusare, andando incontro ad interventi pericolosi. Un forte rischio, in quest’epoca dei social, è rappresentato anche dai giovani medici inesperti, che usano il web in modo sproporzionato al fine di promuoversi, e affidarci nelle loro mani potrebbe comportare tristi sorprese.

Sarebbe utile, infine, andare incontro ad un intervento per migliorare il proprio aspetto conoscendone i possibili effetti collaterali. Importante è affidarsi a professionisti, riducendo la possibilità di effetti indesiderati, e non esagerare con i ritocchi, anche perché alla fine potrebbe accadere che, guardandoci allo specchio, potremmo ritrovare un viso o un corpo artefatti, con il rischio di non riconoscerli come nostri.

Susy Tolomeo

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram