LA KTM BEFFA LA DUCATI SUL RETTILINEO

Vince Oliveira davanti a Miller ed Espargarò; ottimo il 5° posto di Dovizioso a un soffio da Quartararo nella classifica piloti

1598191705copert.jpg

Il GP di Stiria, in Austria lo ha vinto a sorpresa la Ktm di Miguel Oliveira. C’è mancato poco, però, che il traguardo venisse tagliato, a distanza di una settimana, di nuovo dalla Ducati, anche se non di Dovizioso. Tutto è accaduto all’ultimo giro e all’ultima curva con il testa a testa tra Miller (Ducati-Pramac) ed Espargarò (Ktm) che ha favorito il pilota portoghese nel soffiare ad entrambi, finiti larghi nel rettilineo, la prima posizione. Ottimo il 5° posto di Andrea Dovizioso, grazie al montaggio delle gomme morbide in gara 2, che gli permette di avvicinarsi di tre lunghezze a Quartararo (13° posto), nella classifica piloti. Buona la prova di Valentino Rossi (9° posto), rispetto al proprio compagno di squadra Vinales, protagonista di uno spaventoso incidente al 17mo giro che ha visto la gara sospesa e riprendere con 12 giri da completare: per lo spagnolo della Yamaha, è stata provvidenziale la decisione di gettarsi dalla moto priva di freni, prima che la stessa si schiantasse sulla barriera della curva uno. Alla fine di questa quinta prova stagionale della Moto GP, con altre 9 gare da disputare e Marquez fuori dai giochi, il mondiale, comunque, è tutto aperto. Sono molti, infatti, i piloti raggruppati in un range di 20 punti dalla vetta: Quartararo 70 pt, Dovizioso 67, Miller 56, Binder 49, Viunales 48, Nakagami 46 e Rossi 45. Prossimo appuntamento a domenica 13 settembre con il GP di San Marino e Riviera di Rimini che si correrà sul circuito Marco Simoncelli di Misano.

cms_18771/1.jpg

LA GARA

Siamo di nuovo a Spielberg, in Austria nel circuito Red Bull Ring con Pol Espargaro in sella alla KTM in pole position. Questa la griglia di partenza: Espargaro, Nakagami, Mir, Miller, Vinales, Rins. Il leader della classifica generale Fabio Quartanaro partirà nono dalla terza fila mentre Dovizioso e Valentino Rossi, dopo le non facili qualifiche, partiranno rispettivamente dall’ottava e dalla quattordicesima casella.

Ottima partenza per Miller che prende la testa della corsa seguito da Mir, Nakagami ed Espargaro. Dovizioso rimane bloccato nell’imbuto della curva 1; mentre Rossi è nono

Al giro 5, Mir rimane ben saldo in testa, mentre dietro è lotta per la seconda posizione, tra Miller e Nakagami. Vlantino Rossi non riesce a trovare lo spunto per passare al 9° posto

Al 14° giro, Mir tiene la testa della corsa senza problemi con un vantaggio di 1’’ su Miller e Nakagami

Al giro 17, la moto di Vinales ha problemi con il freno in curva 1: il pilota si getta dalla moto che finisce sulle barriere in fiamme. Bandiera rossa, si rientra ai box, approfittando del cambio gomme

Si riparte dal 16° giro, con Miller davanti a Mir ed Espergarò, e con Dovizioso che riesce ad uscire bene da curva 1, mettendosi al 6° posto; Rossi è 9°

A nove giri dal termine, Quartararo sembra in difficoltà, scivolando al 14° posto

Al giro 23, volano le Ktm di Espargarò, che si mette in testa davanti a Miller e Oliveira, che sale al 3° posto; mentre Dovizioso sale in quarta posizione e mette nel mirino Oliveira

Ultimo giro e ultima curva con il testa a testa tra Espergarò e Miller che cerca di tenere la prima posizione, ma è Oliveira ad approfittarne e a tagliare il traguardo per primo, Dovizioso è 5°, Rossi 9° e Quartararo 13°

cms_18771/2.jpg

I PROTAGONISTI

Oliveira: “Sono molto emozionato, vorrei dire tante cose, ma non sarei in grado di farlo. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno creduto in me: famiglia, sponsor e pubblico portoghese, Con oggi abbiamo costruito la storia della Ktm

Miller: “Nella prima parte di gara ho cercato di tenere il mio passo, quando mi ha passato (Mir, ndr) ho pensato di perdere terreno, ma andava veramente forte. La seconda, invece, è stato diverso. Avevo molta spinta, all’ultima curva entrambi siamo andati larghi. Adesso pensiamo alla prossima gara

Espargarò: “È una di quelle gare in cui potevano vincere più o meno tutti. Siamo andati tutti entrambi larghi, comunque non era la nostra gara, era quella di MIr, ma sono molto felice

(photo courtesy motogp.com)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos