LA PAGINA DEI BAMBINI

Sofia, raggio di sole

LA_PAGINA_DEI_BAMBINI_SOFIA_RAGGIO_DI_SOLE_03_SPAZIO_LETTERARIO.jpg

cms_20197/0.jpgSofia prese il nome di una principessa quando venne alla luce: aveva già i capelli, gli occhioni aperti e guardava il mondo curiosa, osservava la mamma e la nonna non vedente che le mostrava dolcezza e amore.

Un angelo comparve nella stanza dove Sofia nacque e dove era presente la nonna. L’angelo pronunciò queste parole: “Sofia, raggio di sole, sarai regina se Dio vuole”.

Sofia crebbe, diventò una bellissima ragazzina dai capelli lunghi neri, ricci, con dei grandi occhi neri, dolcissimi.

Un giorno disse alla nonna: “Nonna sarò io la luce dei tuoi occhi, il tuo raggio di sole”. Improvvisava degli spettacoli in cui cantava e faceva l’imitazione della nonna. Giocava a basket, era bella ed alta.

La nonna le diceva sempre: “Sofia, raggio di sole, sarai una regina!”. Lei rispondeva: “Nonna, non ti preoccupare, voglio essere solamente il tuo raggio di sole per poterti guidare”.

La nonna la coccolava molto, si volevano un bene dell’anima, la consigliava, le diceva cosa fare da grande e come comportarsi.

Un giorno incontrò il suo principe, lei non sapeva che fosse un vero principe e così, davvero, Sofia diventò una regina.

(Dall’omonimo libro di fiabe “Sofia raggio di sole” dello scrittore cieco Vito Coviello come trascritto dai volontari del Servizio Civile)

Vito Coviello

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos