LA RIDUZIONE DELLE ASPETTATIVE DEGLI ITALIANI

Tra gennaio 2020 e novembre 2020 il clima personale è diminuito del 3,7 ed il clima corrente è diminuito del -13,3

1608232370Copertina.jpg

L’Istat calcola il valore del clima personale e del clima corrente relativo alle aspettative dei consumatori. Il clima personale fa riferimento ad un insieme di domande che vengono rivolte al campione di riferimento, relative alla situazione economica della famiglia, alle opportunità attuali e alle possibilità future di risparmio, alle opportunità d’acquisto di beni durevole e al bilancio finanziario della famiglia.

cms_20356/Foto_1.jpg

Definizione del clima Personale. Fonte: Istat.

cms_20356/Foto_2.jpg

Definizione del Clima Corrente. Fonte: Istat.

Il clima corrente prende in considerazione le aspettative degli intervistati circa la situazione economica dell’Italia, la situazione economica della famiglia, le opportunità attuali di risparmio, le opportunità di acquisto dei beni durevoli, il bilancio finanziario della famiglia. L’indice è posto uguale a 100 nel 2015. Le variazioni vengono rilevate mensilmente, sebbene esse risultino mancanti nel mese di aprile.

Clima personale. Il valore del clima personale è diminuito tra il gennaio 2020 ed il novembre 2020. Nel gennaio 2020 il valore del clima di fiducia è stato pari ad un valore di 108,4 unità ed è diminuito da un ammontare di 108,4 fino ad un valore di 107,8 unità ovvero una variazione pari ad un ammontare di -0,6 unità. Nel passaggio tra il febbraio 2020 ed il marzo 2020 il valore del clima personale è passato da un ammontare pari a 107,8 fino ad un valore pari a 102,4 ovvero una variazione pari ad un valore di -5,4 unità. Il valore del clima personale è assente per il mese di aprile. A maggio il valore del clima personale è stato pari ad un valore di 100,9. Nel passaggio tra il maggio 2020 e luglio 2020 il valore del clima personale è passato da un valore pari a 100,9 fino ad un valore pari a 104,5 unità pari ad un valore di 3,6 unità. Nel passaggio tra il giugno 2020 ed il luglio 2020 il valore del clima personale è passato da un ammontare pari a 104,5 fino ad un ammontare pari a 105,2 unità ovvero pari ad una variazione di 0,7 unità. Nel passaggio tra Luglio ed Agosto 2020 il valore del clima personale è passato da un ammontare di 105,2 fino ad un valore pari a 104,5 unità ovvero pari ad un valore di -0,3 unità. Nel passaggio tra il Luglio 2020 e agosto 2020 il valore dell’indice del clima personale è passato da un ammontare pari a 104,9 fino ad un valore pari a 107,1 unità ovvero pari ad un valore di 2,2 unità. Nel passaggio tra agosto 2020 e settembre 2020 il valore dell’indice del clima personale è passato da un ammontare pari a 104,9 fino ad un valore pari a 107,1 unità ovvero pari ad una variazione di 2,2 unità. Nel passaggio tra settembre 2020 e ottobre 2020 il valore del clima personale è passato da un ammontare pari a 107,1 fino ad un valore pari a 106,4 ovvero una variazione pari a -0,7 unità. Nel passaggio tra ottobre 2020 e novembre 2020 il valore dell’indice del clima personale è passato da un ammontare pari a 106,4 fino ad un valore pari a 104,7 unità ovvero pari ad un valore di -1,7 unità. Il valore della variazione assoluta del clima personale è pari ad un ammontare di -3,7 unità mentre il valore della variazione mensile è pari ad un ammontare di -0,275.

Clima corrente. Il valore del clima corrente è passato da un ammontare pari a 110,7 unità fino ad un valore pari a 110,6 unità nel periodo tra il gennaio 2020 ed il febbraio 2020 con un valore pari a -0,1 unità. Tra il febbraio ed il marzo 2020 il valore del clima corrente è passato da un valore pari a 110,5 unità fino ad un valore pari a 104,8 unità ovvero pari ad un valore di -5,8 unità. Ad aprile il valore del clima corrente non è stato rilevato dall’Istat. A maggio 2020 il valore del clima corrente è stato pari ad un valore di 95 unità. Nel passaggio tra il maggio ed il giugno 2020 il valore dell’indice è passato da un ammontare pari a 95 unità fino ad un valore pari a 96,4 unità ovvero pari ad un valore di 1,4 unità. Il valore del clima corrente è passato da un ammontare di 96,4 unità fino ad un valore di 97,3 unità ovvero pari ad un ammontare di 0,9 unità tra giugno e luglio 2020. Il valore del clima corrente è passato da un ammontare di 97,3 unità fino ad un ammontare di 98,1 unità ovvero un ammontare pari a 0,8 unità tra il luglio 2020 e l’agosto 2020. Il valore del clima corrente è passato da un ammontare pari a 98,1 unità fino ad un valore di 100,2 unità tra agosto e settembre 2020 con una variazione di 2,1 unità. Nel passaggio tra settembre 2020 ed ottobre 2020 il valore dell’indice che misura la fiducia nel clima corrente è passato da un ammontare pari a 100,2 unità fino ad un valore pari a 99,9 unità ovvero pari ad un valore di -0,3 unità. Nel passaggio tra ottobre 2020 ed il novembre 2020 il valore del clima corrente è passato da un ammontare pari a 99,9 unità fino ad un valore pari a 97,4 unità ovvero pari ad una variazione di -2,5 unità. Il valore della variazione complessiva tra gennaio 2020 e novembre 2020 è stato pari ad un ammontare di -13,3 unità, mentre il valore della variazione media mensile è stato pari ad un ammontare di -0,43.

Conclusioni. Gli indicatori mostrano un peggioramento degli indicatori relativi alla fiducia dei consumatori sia con riferimento alla situazione personale sia con riferimento alla situazione corrente. Chiaramente tale riduzione delle aspettative degli italiani sono connesse con la questione pandemica del COVID-19. L’introduzione del vaccino può essere in grado di ripristinare le aspettative positive della popolazione relativamente ai consumi.

cms_20356/Foto_3.jpg

Valore dell’indice del clima personale e del clima corrente. Fonte: Istat.

cms_20356/Foto_4.jpg

Clima personale e clima corrente. Fonte: Istat

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos