LE PAGELLE DI STILE DI SANREMO

Prima serata

SPECIALE_SANREMO.jpg

Ogni anno sempre la stessa scena imbarazzante: io sul divano, incollata alla tv per guardare Sanremo, che in teoria dovrebbe essere il Festival della Canzone Italiana, ma che in realtà per tutte le donne del mondo è sognare attraverso le mise delle vallette e delle cantanti in gara, commentando bellezze ed orrori.

Io l’ho sempre guardato per lavoro, ma anche con piacevole masochismo, il mio consiglio per voi è quello di lasciar perdere se ancora potete, Sanremo è un tunnel dal quale difficilmente si può uscire una volta entrati, ma se proprio volete fare le fighe più informate del vostro ufficio, leggete i miei articoli che descriveranno in sintesi tutte le serate sanremesi ovviamente per quanto riguarda tutti gli outfit, per le canzoni vi lascio a critici musicali certamente più esperti di me….pronte?...partiamo…

cms_3400/foto_1.jpg

La serata si apre con la discesa, della sempre insidiosa scala, della valletta Madalina Diana Ghenea, la sua bellezza incanta il Festival e io, da subito, la propongo come maestra di portamento per Arisa e Noemi. Il suo abito “tigrato” è sontuoso, ma non eccessivo, sui social l’anno paragonata al cartoon L’Uomo Tigre, portato con freschezza alleggerito da un’acconciatura sciolta e naturale fatta di onde, ma destrutturate (onde che ritroveremo in quasi tutte le acconciature del Festival) poco make up il tutto accompagnato da un sorriso disarmante. Voto: 7

cms_3400/foto_2.jpg

La prima cantante (donna) ad esibirsi è Noemi e qui io ho quasi un sobbalzo dal divano, la fashionista che è in me ha un mancamento…outfit total black, quasi mortifero, visto la sua carnagione, vestito assolutamente non donante per la sua fisicità, non c’è alcun lampo di luce per l’assenza colpevole di bijoux adeguati. Il suo abito era in tema con la sua canzone: una lagna! (parole non mie, ma del critico televisivo dell’Espresso Riccardo Bocca) La mia vocina fashionista gridava di strappargli gli orecchini dai lobi, dei pendenti che già ai tempi di mia nonna erano considerati demodè e poi “fucilate” il suo parrucchiere, non se ne può più di quel rosso, ma poi che rosso è?...bho…io posso solo solo chiamarlo rosso noemi! Guardando Noemi si può comprendere perfettamente come una donna gradevole può riuscire in una mission impossible: diventare inguardabile. Voto: 4

cms_3400/foto_3.jpg

Il mio scoramento fashionista non si attenua con l’uscita di Deborah Iurato che ha cantato in coppia con Giovanni Caccamo, ma come può una persona, non propriamente alta ed esile, infagottarsi in un abito dalla gonna con volumi generosi dal color marsala, che noi vere fashioniste, non abbiamo indossato nemmeno quando era tempo di farlo, le braccia avvolte in un tulle color carne con ricami marsala, imitazione patetica dei tatuaggi. E poi ricordo, in primis a me stessa, che se non si hanno belle spalle e braccia tornite evitiamo di esporle, ricordiamoci di enfatizzare i nostri punti di forza e non i nostri difetti. Voto: 3

cms_3400/foto_4.jpg

Finalmente, lo stile, il glamour si riprende una rivincita!!!...arriva sul palco Laura Pausini: che dire praticamente perfetta, abito strepitoso dal sapore vagamente militare, nero intervallato con il colore dell’anno: rosa quarzo impreziosito da pietre dure, make up favoloso dove il focus era uno spendido smokey eyes nero glitter, manicure nude per non caricare troppo l’outfit e che dire delle sue scarpe?...uno spettacolo. Outfit certamente rischioso, sarebbe bastato un’inezia per far crollare tutto, ma lei o chi per lei, non hanno sbagliato niente. Laura Pausini è la prova che anche se non si è dotate di una bellezza canonica, si può diventare, agli occhi di chi ci guarda, con l’outfit giusto pensato su come distogliere l’attenzione dai difetti e puntare un riflettore sui pregi che ogni donna ha: bellissime e very cool! Grande Laura si vede proprio che ha fatto pace con il suo corpo imparando ad accettarsi senza più nascondersi in mise castranti. Voto: 10

cms_3400/foto_5.jpeg

E poi siccome al peggio non c’è mai fine, lo stile aveva cantato vittoria troppo presto, è arrivata Arisa…secondo me si era dimenticata che doveva cantare a Sanremo ed è uscita dall’albergo in sottoveste, più che altro una velina, infilandoci sopra un informe maglione. L’anno scorso nel ruolo di valletta aveva illuso tutte le fashioniste facendoci credere che stava cominciando il duro cammino che porta allo stile, ma quest’anno tutte le nostre speranze sono oramai perdute! Le uniche attenuanti al suo disastroso outfit sono le scarpe con fiocco posteriore che saranno un must della prossima stagione e il colore dei capelli che ritorna ad uno stadio di decenza estetica. Leggermente ingrassata rispetto all’anno scorso, ha scelto un outfit che ha evidenziato invece di celare, ma gossip sanremesi dicono che tra le cantanti di quest’anno ci sia una in dolce attesa, sarà lei?. Voto: 5

cms_3400/foto_6.jpg

Riprendo fiato con l’apparizione di Madalina con il suo secondo abito elegantemente sinuoso, nero adornato da piume con accessori bellissimi, soprattutto il collier formato da cerchi, ma lei che può permettersi qualunque outfit poteva osare di più, soprattutto con il colore e la sua acconciatura troppo prevedibile e non adatta alla sua giovane età. Voto: 6

cms_3400/foto_7.jpg

E’ giunto il momento di Irene Fornaciari che dopo Noemi indossa un outfit total black, ad uno sguardo superficiale può sembrare un abito simile a quello di noemi, ma c’è un ma, è un abito fluido molto donante per la sua fisicità, bellissima la struttura delle maniche e superlativo lo scollo sulla schiena (ricordatevi che tutti i vestiti più eleganti per la prossima stagione hanno uno scollo sulla schiena), il fiocco ad enfatizzare il punto vita e smokey eyes (è andato per la maggiore quest’anno), più delicato rispetto a quello della Pausini, deliziosa l’acconciatura sciolta, ma laterale (altro must da copiare per le vostre occasioni speciali). Voto: 7

cms_3400/foto_8.jpg

Poi finalmente giunti quasi alla fine la mia vocina fashionista si placa e quasi sorride, l’ultimo cambio d’abito di Madalina non sorprende, ma in quanto a stile è ineccepibile, per me il più bello, abito che ricorda gli anni trenta anche nell’acconciatura, completano l’outfit orecchini originali e sbarazzini, ma il pezzo forte sono le scarpe…io ucciderei per averle!. Voto: 8

cms_3400/foto_9.jpg

Ma la classe e l’eleganza che non si fa notare, ma si ricorda arrivano alla fine come premio di consolazione per aver resistito e non aver gettato la spugna dopo tutti questi colpi inflitti allo stile, salgono sul palco le attrici Kasia Smutniak e Anna Foglietta.

La Smutniak indossa un abito dal sapore retrò con un colletto che è un vero e proprio bijoux, la gonna, in raso, è svasata con le tasche e lunghissima (ricordate che se una gonna deve essere lunga che sia veramente lunga…vietato scorgere le scarpe!). Voto: 9

Anna Foglietta invece indossa un abito lingerie, che sarà la tendenza più forte per la prossima stagione in fatto di abiti, dai tagli asimmetrici, abito pulito, ma autenticamente sensuale…e poi che voce ha tirato fuori…attrice batte cantanti uno a zero! Voto: 9

E così finisce la prima serata del 66° Festival di Sanremo, sono sopravvissuta contro ogni mia aspettativa!, in forte sottotono per quanto riguarda stile e glamour, per il resto, a mio modesto parere da semplice spettatrice media, urge corso intensivo di lettura per il bel Gabriel Garko mentre Madalina Ghenea è stata spigliata e precisa nel presentare i cantanti, anche se i suoi look sono stati tutti promossi a pieni voti ed adeguati all’evento ho faticato a ricordarmeli perché è risultata nel complesso “evanescente”.

cms_3400/foto_9+1.jpg

Spero che ci sia una ripresa di coraggio e buongusto nelle prossime serate, posso solo dirvi che il miglior outfit è stato quello dell’immenso Sir Elton John, la sua giacca è stata la cosa più bella da guardare, ma questa è un’altra storia…

cms_3400/foto_11.jpg

Un piccolo brivido mi è corso lungo la schiena quando nel Dopo Festival(sperare che per le prossime sere sia solo Dopo Festival è pura fantascienza?) è apparsa Laura Pausini, ospite inattesa, con un’altra mise: bella e sexy, non c’è altro da dire, la Pausini è la vincitrice indiscussa di questa prima serata: ha saputo osare senza subire il facile sgambetto dell’eccesso!

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos