LE RIVELAZIONI SHOCK DELL’EX MINISTRO USA TIMOTHY GEITHNER

Fu proposto un vero e proprio complotto per far cadere Berlusconi?

Berlusconi-Dimissioni.jpg

E’ ormai consuetudine apprendere, da organi d’informazione e/o da libri scritti a fine carriera da personaggi famosi nazionali ed internazionali, dell’esistenza di notizie strabilianti e non.

cms_757/Timothy_Geithner_official_portrait.jpgTra le tante, c’è la rivelazione riportata dall’ex Ministro del Tesoro Usa Timothy Geithner nel suo libro “Stress Test” che risulta veramente mortificante per l’intero popolo italiano. Geithener ci riferisce che, nell’autunno del 2011, in piena crisi dell’euro, alcuni "funzionari" europei - mancano i nomi di questi personaggi che attentarono così tanto alla sovranità popolare italiana - ebbero ad avvicinarlo per proporgli uno stratagemma per far cadere il premier italiano Silvio Berlusconi. Rivelazione shock, ma questo scrive e questo è quanto lo stesso Geithner, dal suo libro, ci fa apprendere. Sarà vero?

cms_757/geithner_obama_zoomR439_thumb400x275.jpgLa Stampa anticipa alcuni passaggi del libro: "Ad un certo punto, in quell’autunno, alcuni funzionari europei ci contattarono con una trama, per cercare di costringere il Premier italiano Berlusconi a cedere il potere; volevano che noi rifiutassimo di sostenere i prestiti dell’Fmi all’Italia, fino a quando non se ne fosse andato". L’Amministrazione Usa, tuttavia, rifiutò di prendere parte al “complotto”, puntando sul Presidente della Bce Mario Draghi per salvare l’eurozona e con essa l’economia globale. "Parlammo al Presidente Obama di questo invito sorprendente - scrive ancora Geithner – ma, per quanto sarebbe stato utile avere una leadership migliore in Europa, non potevamo coinvolgerci in un complotto come quello”. Geithner, inoltre, si è detto dispiaciuto per “non aver visto arrivare la crisi dei mutui e per non aver capito la gravità del problema, fino a quando non è scoppiato”.

Le rivelazioni di Geithner hanno fortificato Forza Italia. "Nell’autunno 2011 il complotto contro Berlusconi ci fu. lo confermano esponenti di vertice dell’amministrazione americana. Berlusconi, quando parla di un colpo di Stato, ha straragione.”

cms_757/al.jpgOltre ai libri di Alan Friedman e tutte le cose che sono apparse evidenti in Italia, adesso apprendiamo dal libro dell’ex ministro del Tesoro degli Stati Uniti che addirittura ad Obama, da alcune autorità dell’Unione europea (qui si ribadisce la mancanza dei nomi dei golpisti), fu proposto un vero e proprio complotto per far cadere Berlusconi. C’è da chiedersi quanto Napolitano sia a conoscenza di queste vicende e se e in quale misura Monti e altri esponenti della politica e delle istituzioni italiane hanno partecipato a questo disegno. “Bisogna aprire un’inchiesta interna e internazionale" - afferma il senatore FI Gasparri - "Siamo di fronte a uno scandalo di dimensioni gigantesche. La testimonianza di Geithner è chiara. Si tratta di una persona che non avrebbe alcun interesse a fare affermazioni non veritiere. Parla esplicitamente di funzionari europei e racconta di aver riferito ad Obama di questa vicenda. Evidentemente, riteneva autorevoli le persone che gli avevano prospettato questa operazione, che del resto fu realizzata con la complicità dei tanti vertici istituzionali e politici italiani".

cms_757/jose-luis-rodriguez-zapatero_0.jpgLe rivelazioni di Geithner squarciano, finalmente, il velo di ipocrisia con cui troppi, in Italia, avevano cercato di coprire una realtà scomoda. “Erano giuste le nostre ricostruzioni”, dice Geithner. E in uno dei suoi libri, anche l’ex premier spagnolo José Luis Rodrìguez Zapatero si schiera a sostegno di questa tesi.

Francesco Mavelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App