LIBRI PER TUTTI, GRANDI E PICCINI, ABILI E SUPER-ABILI

Letti per voi

LIBRI_PER_TUTTI,_GRANDI_E_PICCINI,_ABILI_E_SUPER-ABILI_ITALIA.jpg

"Milagro. Piccolo prodigio di luce": di don Tonino Bello tradotto in CAA

cms_32593/milagro-caa_cop-fb.jpg

«Una bambina venne vicino a me. Le chiesi il nome e lei rispose: "Milagro". Solo dopo seppi che Milagro vuol dire miracolo in lingua spagnola». Milagro. Piccolo prodigio di luce è la nuova proposta della collana “Parimenti. Proprio perché cresco” di Edizioni la meridiana, pensata per un pubblico di giovani adulti con disabilità linguistiche e cognitive, affinché il piacere della lettura sia davvero per tutti e senza barriere.

Il celebre scritto di don Tonino Bello, nato dopo il suo viaggio in Argentina nel 1992, racconta del fortuito incontro con Milagro, un miracolo di tenerezza in grado di portare luce anche in un luogo fortemente segnato da povertà e fatica.
La nuova edizione, tradotta in simboli della CAA a cura del Gruppo di lavoro Librarsi della Cooperativa Accaparlante di Bologna, permette di promuovere in maniera inclusiva i messaggi di pace, nonviolenza, giustizia e solidarietà di Antonio Bello, considerato ancora oggi, dopo la sua morte, tra i più audaci profeti dei nostri giorni.

L’AUTORE

Don Tonino Bello

cms_32593/Don-Tonino-Bello.jpgMonsignor Antonio Bello, per tutti “don Tonino” è stato un vescovo dalle scelte forti e coraggiose. Nato ad Alessano, nel Leccese, il 18 marzo 1935, figlio di un maresciallo dei carabinieri e di una casalinga dalla fede semplice e grande, don Tonino frequenta il Seminario prima a Ugento, poi a Molfetta ricevendo l’ordinazione sacerdotale l’8 dicembre 1957. Nella sua prima stagione da giovane prete della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca gli fu affidata la formazione dei giovani del Seminario diocesano di cui fu per 22 anni vice-rettore. Nel 1978 fu nominato amministratore della parrocchia del Sacro Cuore di Ugento, e l’anno successivo parroco della Chiesa Matrice di Tricase. Un incarico pastorale nel quale si mostrò particolarmente attento ai temi della povertà e del disagio. Sin dall’inizio il suo ministero episcopale fu caratterizzato dalla rinuncia ai segni esteriori del potere. Comunione, evangelizzazione e scelta degli ultimi sono i perni su cui svilupperà la sua idea testimonianza di fede al servizio di una Chiesa davvero in uscita, per utilizzare un’immagine cara a papa Francesco. Non a caso promosse la costituzione di gruppi Caritas in tutte le parrocchie della diocesi, fondò una comunità per la cura delle tossicodipendenze, lasciò sempre aperti gli uffici dell’episcopio.

Si schierò con gli operai delle acciaierie di Giovinazzo in lotta per il lavoro e si battè per il disarmo, per l’obiezione fiscale alle spese militari, soprattutto la marcia pacifica a Sarajevo, di cui fu ispiratore e guida malgrado la malattia che lo consumava. Partito da Ancona insieme a 500 volontari il 7 dicembre 1992 si fece promotore di quella che definiva un’altra Onu, fatta dai popoli, dalla base. Celebre il discorso tenuto a Sarajevo, città sotto assedio: ”Noi siamo qui - disse - allineati su questa grande idea, quella della nonviolenza attiva (…).Noi qui siamo venuti a portare un germe: un giorno fiorirà (…). Gli eserciti di domani saranno questi: uomini disarmati”. Pochi mesi dopo, il 20 aprile 1993 morì ucciso dal cancro.

Scrittore e poeta molto amato, Bello è stato anche fondatore della rivista "Mosaico di pace".

"Milagro. Piccolo prodigio di luce", di don Tonino Bello, con le illustrazioni di Vittoria Facchini

Può ESSERE SFOGLIATO nella sua versione in CAA bit.ly/MilagroCAA e nella sua edizione tradizionale bit.ly/Milagro_DonTonino

***** ***** *****

Storia di μ

Ovvero Lorenzino don Milani (Marietti 1820 editore)

cms_32593/11.jpg

Lorenzo, Lorenzino, don Lorenzo, il Priore: impossessarsi di tutti i nomi che hanno dato in vita a Lorenzo Milani appare un’impresa impossibile e quasi sacrilega. In Storia di μ. Ovvero Lorenzino don Milani,di Alberto Melloni, lo si chiama allora semplicemente μ. «Non per farne la biografia critica che ancora manca, ma per sfogliare la vita e le immagini di una vita: un invitatorio alla lettura della sua parola, della sua figura, senza attualizzazioni superficiali, lasciando tutta la distanza fra quel presente, altro dal nostro, che era il suo», scrive Alberto Melloni nell’avviso I.

cms_32593/don_milani.jpeg

Una biografia corredata da alcune delle più belle foto di Lorenzo Milani dall’archivio di famiglia, da alcuni scatti di un giovanissimo Oliviero Toscani in visita a Barbiana e dai versi del grande cantautore Fabrizio De André. Un omaggio al priore di Barbiana nell’anno in cui si festeggiano i 100 anni della sua nascita.

«È con la scrittura che μ vive e si tiene vivo, quando tutto intorno a lui sembra minacciare gli affetti e la sete di vita che lo brucia; con essa vuole riscattare l’esistenza dal rischio di diventare espressione di un percorso “privato”, individuale, incapace di raggiungere un senso generale. Con la scrittura μ ingaggia un corpo a corpo per spogliarla di ogni orpello, partizione, ambiguità e renderla “funzionale” (come la definirà Pasolini) e lasciare che essa dia voce al brivido messianico, che percorre la sua breve vita e le sue cesure drammatiche».

L’AUTORE

Alberto Melloni

Socio Linceo, ordinario di Storia del cristianesimo, insegna a Bologna ed è Cattedra Unesco della Sapienza e segretario di fscire.it. Firma del Corriere e di RaiStoria, ha realizzato uno speciale TG1 messo in onda nel 2007 da David Sassoli e nel 2023 da Monica Maggioni. Ha diretto l’opera omnia di Lorenzo Milani pubblicata nei Meridiani Mondadori nel 2017 e recensita da papa Francesco.

Antonella Giordano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram