LO SCETTRO A MANESKIN, SECONDO FEDEZ E MICHIELIN,TERZO ERMAL META

Premiati Willie Peyote, Colapesce Dimartino, Madame e Ermal Meta

1615089719La_MUSICA_Sanremo_2021_SERATA_FINALE.jpg

cms_21184/0.jpg

cms_21184/1.jpgSi chiude un’edizione difficile, complicata e tanto criticata, ma che ci ha fatto tanto emozionare. La giornata si apre con l’annuncio di Amadeus, che ha dichiarata di non voler condurre il festival del prossimo anno. Come ben sappiamo, la polemica più grande è legata agli ascolti, che (a detta di molti) sono in ribasso rispetto all’anno precedente, ma non è una verità assoluta.

Mai come quest’anno, il Festival è cresciuto sul pubblico giovanile, abbracciando fasce d’età dai 15 ai 24 anni. Un record per la Rai, che da svariato tempo cerca in tutti i modi di abbracciare i giovani. Il merito di questa crescita è di Amadeus, che in qualità di direttore artistico è riuscito ad avviare una trasformazione radicale alla mentalità del festival, credendo fortemente in giovani emergenti.

cms_21184/2.jpg

La serata si apre con l’Inno di Mameli suonato dalla banda della Marina Militare. Un omaggio a tutto il Paese, che in queste ore sta attraversando una situazione difficile.

cms_21184/3.jpg

Fiorello nella prima parte del festival omaggia Little Tony con i più grandi successi. Si rivede anche Ibrahimovic, che tutto sommato ha dimostrato di saper reggere la pressione di un palco del genere, applicandosi nel mostrarsi simpatico. Ad ogni modo, rende molto di più in un campo da gioco.

cms_21184/4.jpeg

Torna all’Ariston Serena Rossi, l’attrice napoletana molto amata nel panorama delle fiction, dopo il successo di Mina Settembre, presenta il suo nuovo varietà “Canzone Segreta” che andrà in onda ogni venerdì su Rai1. La serata scorre in modo gradevole grazie anche alla simpatia di Fiorello, che nonostante le critiche (ingiuste), si mostra sereno e spiritoso. Insomma, l’ironia non è mancata, ed è una cosa molto bella viste le notizie che ci giungono in queste ore.

cms_21184/5.jpg

Toccante l’esibizione di Ornella Vanoni, che nonostante la veneranda età riesce ad incantare tutti. Musicalmente appare sotto tono, ma è comprensibile viste le mille difficoltà legate all’età. Certamente va apprezzato l’impegno, non è mai facile esibirsi a Sanremo. La stessa Vanoni presenta il suo ultimo progetto discografico, ”Un sorriso dentro il pianto” in collaborazione con Francesco Gabbani, che in questa circostanza suona il piano. Un brano intenso molto riflessivo, dando un nuovo risvolto alla classica lettura dell’amore. Il pianto come forza interiore, è questo il messaggio centrale del brano.

cms_21184/6.jpg

Tra gli ospiti anche la giornalista Giovanna Botteri, che ricorda l’esperienza del covid quando era inviata in Cina. Forse questo racconto andava evitato, ormai siamo bombardati di notizie sul covid. Il festival deve dare una nuova ventata di ottimismo e non appesantire il pessimismo.

cms_21184/7.jpg

Tra i traghettatori di questo festival, bisogna ricordare Achille Lauro, che con i suoi quadri ha fatto parlare molto di sé. Possiamo dirlo, finalmente non saremo più costretti a vedere i suoi quadri. Nulla da dire sulla parte scenografica (molto accurata), ma farlo passare come genio incompreso è troppo. Un’artista che non ha peli sulla lingua, ma sostanzialmente sopravvalutato.

cms_21184/8.jpg

Un gradevole ritorno è quello di Umberto Tozzi, sulle note di Gloria ha fatto ballare un po’ tutti anche se virtualmente. Questa è la ventata di cui aveva bisogno il festival.

cms_21184/CLASSIFICA.jpg

I verdetti:

cms_21184/9.jpg

Vice la 71esima edizione del festival di Sanremo: Maneskin

- secondo Fedeze Michielin, terzo Ermal Meta

cms_21184/10.jpg

Premio della critica Mia Martini: Willie Peyote

cms_21184/11.jpg

Premio Lucio Dalla: Colapesce Dimartino

cms_21184/12.jpg

Premio Sergio Bardotti (miglior testo): Madame

cms_21184/13.jpg

Premio Giancarlo Bigaz13zi: (miglior composizione): Ermal Meta

Anche questo festival si è concluso, è stato bello respirare un po’ di normalità anche se ormai non sappiamo più cos’è. Tutti lo criticano, ma tutti lo guardano. Sanremo è sempre Sanremo.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos