LO SHAKTHAR BEFFA L’ ATALANTA AL 95’

LA JUVE VINCE FACILE CONTRO IL LEVERKUSEN

2_10_2019__CHAMPIONS_LEAGUE.jpg

La seconda giornata della fase a gironi della Champions League è solo parzialmente positiva. Non va bene, infatti, all’Atalanta che perde immeritatamente 1-2 contro lo Shakthar Donetsk, mentre va meglio alla Juve che conquista una preziosa vittoria contro il Leverkusen per 3-0.

ATALANTA - SHAKHTAR DONETSK: 1-2

Dopo la disastrosa gara d’esordio persa contro la Dinamo Zagabria, l’Atalanta di Gasperini perde anche al “Meazza” di Milano contro lo Shaktar Donetsk. Una sconfitta immeritata per quanto visto in campo contro una squadra molto pericolosa nelle ripartenze. Ora la situazione in classifica è diventata alquanto proibitiva per i nerazzurri.

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

cms_14387/2_gasperini_adnkronos.jpg

Il tecnico dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, con il 3-4-1-2 schiera:Gollini; Toloi, Masiello, Palomino; Hateboer, De Roon, Pasalic, Castagne; Ilicic, Gomez, Zapata. Con il 4-2-3-1, invece, l’allenatore dello Shakhtar Donetsk, Luìs Castro, manda in campo:Pyatov; Bolbat, Kryvtsov, Matviyenko, Ismaily; Alan Patrick, Stepanenko; Marlos, Kovalenko, Taison; Junior Moraes.

L’Atalanta parte decisamente meglio dello Shakthar. Dopo aver fallito un calcio di rigore con Ilicic (15’), infatti, colpisce un palo con Pasalic (26’) e subito dopo passa meritatamente in vantaggio grazie ad un gran colpo di testa di Zapata (27’). La squadra ucraina, però, reagisce immediatamente con Marlos (30’), ma Gollini devia in angolo. Il portiere bergamasco si ripete poco dopo anche sul tiro di Moraes (35’). Lo Shaktar ci crede e qualche minuto dopo pareggia con Moraes (41’) abile a scartare anche Gollini e a depositare in rete. In pieno recupero gli ospiti sfiorano addirittura il vantaggio con Marlos (45’+2), ma la sua conclusione, direttamente su punizione, si stampa sulla traversa. Nella ripresa ci prova subito l’Atalanta con Gomez (52’), ma è attento Pyatov. Dopo una fase di sostanziale equilibrio, tuttavia, Gasperini inserisce forze fresche e i benefici si vedono. In effetti l’Atalanta gioca meglio e Zapata (63’ e 67’) va vicino al gol, ma il risultato non cambia anche per merito del bravo portiere ucraino. Qualche minuto dopo, in un ribaltamento di fronte, si rivede in avanti lo Shakthar con Stepanenko (80’), ma Gollini devia in angolo. Risponde l’Atalanta con Malinovsky (88’), ma il suo sinistro sfiora il palo alla sinistra del portiere. Ci prova anche Gomez (91’), ma ancora una volta Pyatov si stende e para. La gara sembra terminare sul risultato di parità quando, inaspettatamente, arriva il gol dello Shakthar con Solomon (95’) al termine di un’altra veloce ripartenza, una rete che condanna l’Atalanta ancora a zero punti in classifica.

JUVENTUS - BAYER LEVERKUSEN:

Buono l’esordio casalingo in Champions della nuova Juventus di Sarri. Dopo aver pareggiato in trasferta contro l’Atletico Madrid nella prima giornata, infatti, la squadra bianconera batte allo stadio “Allianz” di Torino il Bayer Leverkusen per 2-0 conquistando, così, il comando della classifica del Gruppo D a pari punti con l’Atletico Madrid.

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

cms_14387/3_sarri_maurizio_adnkronos.jpg

Il tecnico della Juventus, Sarri, con il 4-3-3 opta per: Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Higuain, Ronaldo. Con lo stesso modulo l’allenatore del Bayer Leverkusen,Bosz, schiera: Hradecky; Weiser, Tah, S. Bender, Wendell; Havertz, Aranguiz, Baumgartlinger, Demirbay; Volland, Alario.​

Buon primo tempo della Juventus che, dopo una fase di studio, passa in vantaggio con un gran destro dal limite di Higuain (16’). Nella parte centrale di tempo la gara resta su un piano di equilibrio, ma nel finale i bianconeri si rendono ancora pericolosi con Gonzalo Higuain (39’). Questa volta, però, il portiere Hradecky para. Nella ripresa la Juventus riparte con maggiore determinazione. Così, Ronaldo (57’) impegna severamente il portiere ospite e poco dopo Bernardeschi (62’) raddoppia al termine di un pregevole scambio sull’asse Ronaldo – Higuain. La squadra bianconera insiste e così ci prova ancora Ronaldo (74’), ma il solito Hradecky para ancora. Sul finire si affaccia pericolosamente il Bayer, ma il pallonetto di Tah scavalca Szczesny e termina di poco oltre la traversa. Le emozioni, tuttavia, non finiscono qui perché va a segno anche Ronaldo (88’) per il definitivo 3-0.

(Foto da adnkronos.com - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App