LUIGI DE FILIPPO

Istantanee d’autore

LUIGI_DE_FILIPPO_Istantanee__Autore.jpg

Era il figlio di Peppino. Orgoglioso di suo padre e orgoglioso di se stesso.

Il suo ambiente naturale è stato il teatro, dalla nascita alla morte.

cms_27541/1.jpg

A parte degli incontri sporadici per accordi di lavoro, ho avuto con lui una lunghissima intervista, durante la quale ho scoperto molti aspetti di questa nobile famiglia di teatranti.

L’informazione inaspettata che ricevetti fu quella che Peppino, pur stimando Totò, accettava i ruoli nei suoi film non proprio volentieri.

“Sono stato in teatro con Peppino 20 anni e lo ritengo il più grande attore comico del secolo scorso.

cms_27541/2_1663350858.jpg

Ma nei film con Totò lo vedevo sacrificato, non mi piaceva e mi dispiaceva per lui, anche perché sapevo che li accettava per i soldi, che poi investiva nelle sue produzioni.

Si lamentava della povertà delle sceneggiature che acquistavano un qualche spessore solo grazie alla loro capacità di improvvisazione.

Luigi aveva ereditato e sviluppato a modo suo alcuni temi trattati da suo padre, temi popolari, caratteristici soprattutto del pianeta napoletano.

Un mondo ricco di fantasia e di emozioni, inquinato purtroppo da “mascalzoni” che ne imbruttiscono quell’immagine solare che la città ha sempre dato di sé al mondo.

Questo aspetto addolorava lui e i molti napoletani che non meritavano il giudizio negativo che ne scaturiva sulla città.

Aveva sia portato in scena i lavori di Peppino che scritti di nuovi.

E per anni, con questi lavori, la sua era una delle poche compagnie che faceva molte repliche.

Ci teneva a sottolinearlo.

Parlare con Luigi era piacevole, anche perché intercalava la conversazione con tanti aneddoti e modi di dire.

cms_27541/3.jpg

Per esempio: “Essere superstiziosi è segno di ignoranza, non esserlo porta male…”

Ma subito dopo aggiungeva il suo punto di vista meno banale sul “trascendente”, quel qualcosa di misterioso che in qualche modo spesso incide sulla nostra vita.

Si sentiva più scrittore teatrale che attore.

Scrivere commedie era ciò che lo faceva star bene; il recitarle è stata una conseguenza inevitabile della sua storia. Aver avuto successo in entrambe gli aspetti lo gratificava, però.

Da ragazzo aveva cominciato con piccole parti e quindi, dietro le quinte, osservava il padre e lo zio Eduardo, cercando di coglierne la tecnica, i dettagli.

Poi li aveva personalizzati e li aveva fatti suoi: non copiando ma adeguandoli al suo modo di recitare.

cms_27541/4.jpg

Ma notava anche cose che non gli piacevano e si prometteva di non farle mai.

“Loro mi hanno insegnato soprattutto l’amore e il rispetto per la mia professione.

Farlo con serietà e con impegno.

Con loro ho potuto lavorare per il teatro, che era il mio sogno.

L’impresa di far credere al pubblico che la meravigliosa finzione che si svolge ogni sera sia la realtà.

E ogni sera adeguarsi al nuovo pubblico, andargli incontro, sentirlo…

Ciò che rende questo mestiere diverso ogni giorno anche se si recita per centinaia di volte lo stesso testo.”

Gli chiesi se c’era però qualche aspetto negativo in questo settore.

“Per migliorare il teatro bisognerebbe eliminare gli attori, e quindi non sarà mai possibile.

Eduardo diceva che bisognava peggiorare la vita degli attori.

E aveva ragione. Perché quando l’attore è in difficoltà, dà il meglio di sé; quando è finanziato abbondantemente e vive nella comodità, si inaridisce e serve a ben poco.

Aveva ragione Eduardo…”

(Foto di proprietà dell’autore)

Giacomo Carlucci

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram