La Haskell Free Library and Opera House

Una biblioteca “di confine”

La_Haskell_Free_Library_and_Opera_House.jpg

In America c’è un edificio che abbraccia due stati, ponendosi come confine tra essi. Stiamo parlando della Haskell Free Library and Opera House, una libreria-teatro costruita tra Stansead, in Quebec (Canada), e Derby Line, nel Vermont (USA). Al suo interno è presente una linea che divide in due la pavimentazione, a rimarcare dove finisce l’uno e inizia l’altro paese. La costruzione è stata riconosciuta come edificio storico da entrambi gli stati che ne ospitano una porzione.

cms_13227/2.jpg

La libreria ha anche due indirizzi: 93 Caswell Avenue, Derby Line, Vermont, e 1 rue Church, Stanstead, Quebec. I lavori per costruirla furono commissionati nel 1901 da Martha Stewart Haskell, da cui prende il nome, per commemorare i suoi genitori. Questi ultimi, infatti, desideravano che sia i canadesi che gli statunitensi avessero accesso all’edificio.

La libreria ha due piani, di cui il secondo, quello dell’Opera, si ispira all’Opera di Boston. Il palco e la collezione dei libri sono situati nella parte canadese, mentre in quella statunitense vi sono solo i posti a sedere. La biblioteca contiene 20.000 libri sia in inglese e francese.

L’unico accesso alla Haskell si trova nella parte statunitense. Tuttavia, possono entrarvi anche i canadesi evitando le pratiche doganali, ma dopo averla visitata sono obbligati a ritornare immediatamente nel proprio paese.

cms_13227/3.jpg

La Haskell Free Library è un edificio unico al mondo, che unisce due paesi in nome della cultura. Quella linea di confine ben marcata si rivela essere in realtà un limite molto più sottile di quanto possiamo pensare, proprio perché i libri hanno il potere di unire, di abbracciare le differenze, che siano esse geografiche, culturali o sociali. Perché tutti sono uniti dalle storie: le storie appartengono a ogni persona, ognuno ne ha una, più o meno simile a quelle raccontate tra le pagine. I libri raccontano una realtà che appartiene a tutti, in cui ogni confine diventa labile e tutti possono arrivare a calpestare, anche se per poco, lo stesso suolo dove storie diverse possono rivelarsi in realtà molto simili.

Francesco Ambrosio

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram