La chiave del successo delle aziende si chiama CHO e viene dall’America

Chief_Happiness_Officier.jpg

Un bravo imprenditore deve sapersi mettere nei panni dei lavoratori, percepire i loro bisogni soddisfarli e renderli felici, perché quando si è felici si lavora meglio. La soddisfazione dei dipendenti in America è fondamentale ed è ritenuta la chiave del successo di un’azienda. Tanto che è nata una nuova figura aziendale:Chief Happiness Officier (Cho) un manager delle risorse umane che si occupa della felicità dei dipendenti, come? misurando il livello di soddisfazione e individuando le soluzioni in grado di migliorarlo.

cms_3302/foto_2.jpg

Ma cosa sono le risorse umane e cosa fa chi si occupa di risorse umane. Con questa espressione si identifica il valore (risorse), del proprio personale (umane), quindi la figura aziendale che si occupa di questo settore è colui che valorizza al massimo il capitale umano a disposizione dell’azienda. E’ ovvio che non si può pensare ad un’azienda di trasporti che operi con veicoli con il motore fuso o un industria che lavori con apparecchiature mal funzionanti ed è altrettanto evidente che non si può pensare di operare con del personale inadeguato, non competente e non motivato. Ci sono misure atte a valorizzare le persone, quindi, bisogna focalizzarsi sui singoli, mettere a fuoco punti di forza e di debolezza, chiedere loro di evidenziare cosa vorrebbero fare e cosa si sentono portati a fare. E’ importante conoscere a fondo i dipendenti, individuare dove i talenti possano esprimersi liberamente, dando risalto alle potenzialità, per essere certi di avere la persona giusta nel posto giusto. Una volta individuate le risorse adatte bisogna organizzare il più possibile i flussi di lavoro facendo controlli e verifiche, il lavoro confusionario fa perdere tempo e rende l’ufficio inefficiente.

cms_3302/foto_3.jpg

Dare ai dipendenti orari flessibili in base alle loro esigenze. Favorire l’interazione tra dipendenti, contribuendo ad eliminare le tensioni creando un ambiente di lavoro sereno e rilassante. Qualora si manifestassero dei conflitti, sapere come gestirli è fondamentale, non ignorare un conflitto e aspettare che si risolvi da solo, non è mai la soluzione. Analizziamo le strategie adottate da alcune aziende multinazionali: Facebook ha divulgato le immagini del libretto rosso che ogni nuovo dipendente trova sulla scrivania il primo giorno di lavoro. Questo libretto è un vademecum che contiene un insieme di citazioni e idee che incoraggiano i lavoratori a fare cose belle, grandiose con impegno, ad esempio "ogni ingegnere è responsabile di circa un milione di utenti", "non costruiamo servizi per fare soldi, ma facciamo soldi per creare servizi migliori", "ricorda la gente non usa Facebook perché ci ama, ma perché ama i propri amici".

cms_3302/foto_4.jpg

La Starbucks, nota catena di caffetterie ha investito circa 250 milioni di dollari per l’ istruzione dei propri dipendenti. I lavoratori possono frequentare i corsi che preferiscono, per sviluppare le proprie attitudini e passoni. La Sas Institude, società che si occupa di software, ha creato una struttura apposita per i figli dei dipendenti, oltre a poter pranzare e cenare insieme alle famiglie. Inoltre è presente un ambulatorio medico gratuito per i dipendenti e i loro familiari e le ore di lavoro settimanali non sono mai più di 35. L’Ikea, regala un buono acquisto a coppie di fatto o gay indipendentemente dalla forma giuridica dell’unione, da spendere ovviamente in Ikea. La Ferrero che ha sedi in tutto il mondo, ha equilibrato le proprie politiche aziendali alle città in cui opera, ad esempio in Francia ha creato asili di impresa e mini club, In Argentina e in Ecuador bonus per la spesa, in Lussemburgo campi di calcetto e tennis.

cms_3302/foto_5.jpg

La Global Workfoce Happiness Index, leader mondiale nelle consulenze aziendali ha misurato la felicità dei lavoratori. Sono stati coinvolti 250 mila lavoratori di 55 diversi mercati mondiali. I più felici sono quelli di Belgio e Norvegia, a sorpresa al terzo posto Costarica, Sud Africa, Grecia, Russia a debita distanza Stati Uniti, Canada e Italia, la nostra unica consolazione è stare vicini agli Stati Uniti. Il modello di azienda più felice nel mondo è Google, definita l’azienda dei sogni, per i lavoratori è un paradiso, con spazi creativi, libertà nella gestione degli orari, dei permessi, delle malattie con retribuzioni da capogiro. Noi dipendenti Italiani siamo distanti anni luce da queste politiche aziendali, ci basterebbe avere rispetto e considerazione per essere felici. L’imprenditore deve tenere bene a mente che i dipendenti non potranno mai avere a cuore la sua azienda, fino a quando lui non mostrerà di avere a cuore i suoi dipendenti.

Tina Camardelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App