Libia, sblocco delle esportazioni petrolifere

Di Maio: «La riteniamo una scelta doverosa e di buon senso»

1597863587Copertina.jpg

Dopo una paralisi delle esportazioni petrolifere libiche, durato ben 7 mesi, che ha messo in ginocchio l’economia del paese, il comandante dell’esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, ha ordinato la riapertura dei giacimenti e dei porti del bacino, all’export verso l’Europa ed il mondo. Ad accogliere lieta la notizia dello sblocco, suggellando un sospiro di sollievo, è l’Italia, interessata in prima linea alla questione libica. Il nostro Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in un twit dal profilo della Farnesina, avrebbe infatti dichiarato: "L’Italia accoglie con favorel’annuncio della riattivazione dei terminal petroliferiin Libia. La riteniamo una scelta doverosa e di buon senso. Abbiamo sempre ritenuto che fosseinaccettabile affamare la popolazione libica, che merita invece un futuro libero e democratico. L’Italia è con la Libia e continuerà ad assisterla nell’ambito degli esiti della conferenza di Berlino".

cms_18724/foto_1.jpg

La decisione della chiusura dei pozzi e dei porti nazionali verso l’esterno, entrata in vigore il 10 gennaio scorso, è da configurarsi ancora una volta, come il riflesso della deflagrata situazione politica post Gheddafi, con un Serraj a capo del governo di accordo nazionale che gode del controllo del portafoglio ma non del territorio, e un Haftar che al contrario gode di un capillare controllo territoriale, nonostante poi le attività di esportazione, considerando che dai proventi delle esportazioni libiche, deriva circa il 90% delle entrate del paese, siano per lo più gestite dalla Noc, tramite joint venture, in accordo con altre società europee ed estere.

cms_18724/foto_2.jpg

La situazione sembrava già essersi sbrigliata a metà luglio, quando il flusso di petrolio sembrava essere ripreso con il caricamento della petroliera Kriti Bastion a Es Sider,se non fosse che le forze armate di Haftar, avrebbero ordinato di fermare tutto, invertendo la loro posizione nei negoziati.

Federica Scippa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App