MALALA SI LAUREA AD OXFORD

Il coronamento del sogno di una giovane donna Pakistana, premio Nobel per la Pace 2014

1592680646Copertina.jpg

“È difficile esprimere la mia gioia e gratitudine ora che ho completato il mio corso in filosofia, politica ed economia ad Oxford. Non so cosa farò adesso. Per ora, leggerò, guarderò Netflix e dormirò”. Parole semplici, quelle con cui, tramite i social media, Malala Yousafzai, attivista per i diritti umani e premio Nobel per la Pace nel 2014, ha commentato il bellissimo risultato raggiunto. La laurea a Oxford è un traguardo straordinario per una giovane donna nata in Pakistan, laddove il fondamentalismo islamico impedisce alle persone di sesso femminile di vivere una vita normale. L’incredibile storia di Malala inizia proprio da qui, dalla sua ferrea volontà di istruirsi e di condurre un’esistenza degna di tale nome e non limitata dai precetti del bigottismo religioso che, qualsiasi sia il credo a cui si riferisce, è uno dei mali più gravi dell’umanità. Nonostante le minacce continue, dovute anche al blog da lei curato per la BBC, nel quale documentava il regime dei talebani già all’età di 11 anni, l’attivista pakistana continuò quindi a studiare, fino al 9 ottobre 2012, quando una milizia armata salita a bordo del suo pullman scolastico le sparò alla testa. Lei, però, incredibilmente, riuscì a sopravvivere. Segni del destino. Così Malala ha avuto modo di continuare le proprie battaglie e i propri studi, arrivando a parlare al Palazzo di Vetro di New York e a vincere, per l’appunto, il Nobel per la Pace, oltre ad altri importanti riconoscimenti.

cms_17976/foto_1.jpg

Da questa brevissima biografia, che non è per nulla sufficiente ad esprimere le cose incredibili da lei già fatte all’età di soli 23 anni, si riesce a capire perché la laurea di Malala non è un titolo di studio come tutti gli altri. È una vittoria meravigliosa in una battaglia durissima per l’eguaglianza di genere. Certo, si tratta di una goccia nel mare di persone che invece vengono sopraffatte dai talebani e costrette ad una vita di sottomissione, ma è pur sempre una speranza, un durissimo colpo per i fondamentalisti: Malala Yousafzai ha mostrato al mondo che quei mostri non sono invincibili. La tesi di laurea è stata esposta a distanza a causa del Covid, e sempre a distanza, Malala ha tenuto un breve discorso, alla presenza virtuale di diverse personalità di spicco, tra cui Michelle Obama: “Sei stato licenziato? Impara dall’esperienza. Ti hanno spezzato il cuore? Impara dall’esperienza. Una laurea in una crisi globale? È più di un’esperienza di apprendimento. È un’esperienza in crescita. Stai imparando la lezione più importante di tutte: ogni ostacolo è un’opportunità per imparare, crescere e cambiare”. Chi più di lei può dirsi esperto nel superamento degli ostacoli?

Giulio Negri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App