MATTARELLA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

665 voti a favore

mattarella.jpg

Matteo Renzi, alla fine l’ha spuntata e ad essere eletto Presidente è stato il candidato da lui proposto in barba a tutte le consultazioni avute con il leader di Forza Italia il quale, nonostante sia corso in aiuto del presidente del Consiglio per formare la maggiorana necessaria all’attuazione delle riforme, alla fine ha incassato il colpo che Renzi gli ha inferto, decidendo nell’interesse del paese ma anche e soprattutto, negli interessi del suo partito che con la proposta di Mattarella ha visto ritornare all’ovile l’ala più ‘sinistra’ dello stesso PD.

cms_1789/be-re.jpg

Certo che Forza Italia non ha gradito l’affondo che Renzi ha lanciato al suo rivale Berlusconi tanto che i fedelissimi di quest’ultimo si sono spesi in commenti poco esaltanti sull’operato di Renzi alimentando l’ipotesi che dopo questo schiaffo immeritato la collaborazione futura per il completamento delle riforme sarebbe potuta anche saltare .Renzi tuttavia, nonostante la sua giovane età e le tante critiche rivoltegli, ha perseverato con fermezza nel suo obiettivo che era quello di portare a termine le riforme utili alla ripresa economica dell’Italia come insistentemente richiesto dall’Europa, e pur di concludere questa incerta fase della recente storia italiana non ha disdegnato di trattare con il suo rivale politico il quale pur decaduto per le infelici vicende che lo avevano interessato con la giustizia, ha saputo riconoscere in lui , al di là di ogni compromesso, il rappresentante legittimo di una parte consistente di italiani con cui decidere il futuro del paese dopo essergli mancato l’appoggio interno al suo partito. Se la decisione di Matteo Renzi di candidare Mattarella è stato un affronto ai politici di Forza Italia, bisogna ammettere che Renzi ha saputo gestire machiavellicamente la questione perché il fine ha giustificato i mezzi.

cms_1789/mattarellagrande.jpgMa chi è Sergio Mattarella e cosa ha rappresentato per l’Italia perché non possa essere gradito a Forza Italia nonostante si riconosca in lui la correttezza del politico (e dell’uomo)? . Sergio Mattarella laureato in giurisprudenza è un politico della Democrazia Cristiana (come democratico), (il padre fu più volte ministro tra gli anni cinquanta e sessanta nella Democrazia Cristiana ). Infatti nel 1983 , dopo la morte del padre e del fratello assassinato dalla mafia fu eletto alla Camera dei deputati (nel 1983) nella circoscrizione della Sicilia Orientale. l’Anno successivo il Segretario Ciriaco De Mita gli incaricò di bonificare la DC che evidentemente nutriva nel suo grembo personaggi come Vito Ciancimino e Salvo Lima. Nell’85 formò una giunta comunale di rinnovamento con a capo Leoluca Orlando che era stato un collaboratore di suo fratello Piersanti. Nell’89 fu nominato Ministro della Pubblica istruzione nel Governo Andreotti ma l’anno dopo si dimise insieme ad altri ministri della corrente di sinistra della DC per protestare contro la fiducia che il Governo aveva posto al disegno di ‘legge Mammì’ che riguardava il riassetto del sistema radiotelevisivo che in qualche maniera legittimava la posizione egemone del gruppo televisivo di Silvio Berlusconi.

cms_1789/sergio-mattarella_P.jpg

A parte la riforma elettorale che da lui prese il nome nel 1993 introducendo la componente maggioritaria, nel 94 Mattarella fondò il Partito Popolare italiano con il quale fu eletto alla Camera nel 1994 e 96. In quegli anni il neo eletto Presidente della Repubblica si dimise dalla direzione del giornale ‘IL Popolo’ che era divenuto, dopo lo scioglimento della Democrazia Cristiana un giornale di riferimento del partito Popolare italiano. La sinistra esulta e la destra piange. Renzi ha giocato la sua partita per dare un Presidente al paese, nella speranza di ridare all’Italia quel ruolo che gli spetta in una Europa più equilibrata.

Buon lavoro Presidente

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos