MEDITANDO SULLA FANCIULLA DI ANZIO

MEDITANDO_SULLA_FANCIULLA_DI_ANZIO_Palazzo_Massimo_alle_Terme_NR_13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE_prima_-_Copia.jpg

cms_20264/0.jpgMi piace scrivere poesie di memorie e ricordi antichi, di suggestioni romantiche, e non ultime quelle preraffaellite e simboliste. Questa statua della Fanciulla di Anzio mi è rimasta impressa sin da bambina, da quando la vidi al museo delle terme: mi sembrava una donna bella e misteriosa, con la sua veste arrotolata e l’atteggiamento popolare e semplice. Chissà cosa l’ignoto artista avrà voluto comunicarci con questa statua femminile solenne e austera nella sua semplicità e incredibile naturalismo?

Le statue antiche sembrano nascondere tutte un mistero ma in questo caso mi lascio sedurre degli elementi più evidenti. Mi colpiscono infatti l’erotismo e la sensualità che la pervadono, senza mai perdere di vista la storia di quel terzo secolo avanti Cristo e del suo essere cardine della storia romana con l’apertura ad un mediterraneo orientale di cultura sovragreca.

La storia si snoda passando per il volto di questa bella fanciulla, e resta sottesa dietro le avvolgenti pieghe della sua veste e l’intreccio dei suoi capelli. Questa figura è semplice e nello stesso tempo eterna nella sua postura. La Fanciulla di Anzio non è solo una statua ma anche un simbolo di un tempo e un periodo che ha ispirato poeti e letterati. Mi piace raccontare di momenti e immagini in cui le donne avevano un ruolo speciale all’interno dei miti e della storia e questo mi sembra uno di questi casi.

Una rozza e ruvida veste accoglie le tue nude e splendide membra

Troppo delicata la tua pelle che offri al vento d ’autunno...

Repentina tu giri lo sguardo a cercare qualcosa di ignoto

I capelli, raccolti in un nodo distratto e impreciso,

ti rendono umana e vicina,

mentre incontri un nuovo lavoro,

sul fare del giorno.

Come una fiaccola la luce dell’alba si incendia improvvisa,

e si distende sulle tue membra innocenti

Mentre tu, or quieta e lontana,

lentamente attendi

al quotidiano del vivere.

Il panneggio di lana pesante,

senza alcun garbo,

avvolge il tuo casto corpo vigoroso

di semplice fanciulla.

Pensieri lontani accompagnano ogni tuo

gesto che - nella lentezza marmorea -

si snoda in eterno,

a raccontare la tua storia

di Fanciulla di Anzio,

mentre il Tempo si accinge,

con grazia,

a travalicare i secoli.

Alessandra Cesselon

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos