MELONI TIRA DRITTO SU PREMIERATO E ACCORDO CON TIRANA SU MIGRANTI

MELONI_TIRA_DRITTO_SU_PREMIERATO_E_ACCORDO_CON_TIRANA_SU_MIGRANTI_ITALIA.jpg

Tira dritto Giorgia Meloni, senza tentennare sui due grandi dossier che hanno animato le ultime settimane al timone di Palazzo Chigi: la riforma del premierato da un lato e l’accordo a sorpresa con Edi Rama dall’altro, foriero di mugugni nella maggioranza e detonatore della rabbia delle opposizioni.

cms_32386/MELONI_RETTANGOLARE.jpg

Il premierato

La "madre di tutte le riforme’’ - copyright Giorgia Meloni - approderà la settimana prossima al Senato, dunque niente avvio dell’iter a Montecitorio come da attese. Una scelta che per le opposizioni puzza di bruciato lontano un miglio, visto che il regolamento di Palazzo Madama rende molto più ardua, per la minoranza, la battaglia da intentare per rallentare il cammino del disegno di legge. Soprattutto -il sospetto che serpeggia e rimbalza tra i Palazzi romani- è che la scelta del governo sia ricaduta sul Senato perché è lì che Meloni può contare sulla presidenza del fedelissimo Ignazio La Russa, mentre sulla tolda di comando della Commissione Affari costituzionali -primo approdo della riforma- siede un altro meloniano di ferro, Alberto Balboni.

Opposizioni in rivolta

La misura è colma per le opposizioni, che invocano in Aula alla Camera una capigruppo urgente, visto che "la motivazione" di questa decisione, tuona Simona Bonafé del Pd, "sarebbe dovuta all’appartenenza politica del presidente della Camera e di quello della prima commissione", leggi Lega e Fi, "che non darebbero sufficienti garanzie all’iter del provvedimento", col rischio che la Camera "venga considerata una succursale". Per Francesco Boccia, capogruppo dem a Palazzo Madama, "la giornata di oggi (ieri, ndr) conferma quello che denunciamo da tempo: al Senato si svolgerà il baratto, nella maggioranza, tra Premierato e Autonomia".

Casellati: "Nessuna scelta politica"

Rinvia le accuse al mittente con fermezza la ministra delle Riforme Maria Elisabetta Alberti Casellati. Sull’avvio dell’iter al Senato, assicura, "assolutamente non c’è una scelta politica": "Bisogna chiedere alle opposizioni perché si sono stupite, io invece non ho avuto nessun tipo di stupore, nel senso che il Senato ha appena vistato il provvedimento sull’autonomia differenziata, in genere si guarda a quanti provvedimenti ci sono da una parte e dall’altra. Quindi "del nervosismo delle opposizioni "dovete chiedere a loro", taglia corto.

L’accordo con Tirana e il nervosismo in maggioranza

Ma un certo nervosismo, a dirla tutta, si respira anche nella maggioranza, non tanto sul premierato quanto sull’altro grande dossier che continua a tenere banco: l’intesa sui migranti stretta a sorpresa tra Roma e Tirana, un accordo che ieri è stato reso pubblico dal governo albanese, mentre sul sito dell’esecutivo italiano continua a non essercene traccia.

Intanto da Palazzo Chigi confermano che sull’intesa non è previsto nessun passaggio parlamentare come chiesto a gran voce delle opposizioni. In rivolta, ancora una volta. "E’ inaccettabile", tuona la segreteria dem Elly Schlein, mentre Carlo Calenda vede nel Memorandum con Tirana "un boomerang", l’"ennesimo spot" per il leader M5S Giuseppe Conte.

Per fermare quella che ormai si è trasformata in una slavina entra in campo anche Palazzo Chigi, che con fonti anonime etichetta come "totalmente fantasiose" le ricostruzioni "secondo le quali l’accordo Italia-Albania non sarebbe stato condiviso dal Presidente del Consiglio con gli alleati di Governo. Al contrario, c’è stato fin dall’inizio il pieno coinvolgimento dei due vicepremier Salvini e Tajani e l’intesa è stata costruita passo dopo passo con la totale collaborazione dei ministeri coinvolti, a partire da Ministero degli Esteri, Interno e Giustizia".

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram