Malta respinge i migranti verso l’Italia

Schiaccianti testimonianze in immagini e video consegnati ad Alarm Phone

1590095723Copertina.jpg

The Guardian e Avvenire hanno pubblicato un’inchiesta sul dirottamento verso l’Italia di un barcone con a bordo migranti libici, imposto dalle forze armate maltesi, allegando come testimonianza video e immagini in possesso di Alarm Phone. Queste ultime, risalenti all’11 aprile, mostrano chiaramente una motovedetta seguire un barcone occupato da oltre cento persone, di cui alcune si gettano in acqua pur di non tornare nel loro paese d’origine. Il 12 aprile, i migranti sono giunti sani e salvi a Pozzallo, dopo quattro giorni di traversata e 500 km percorsi.

cms_17578/Foto_1.jpg

Le immagini a corredo dell’inchiesta costituiscono una prova schiacciante, dato che sullo sfondo si intravede chiaramente l’isola di Malta, da cui però i migranti non potevano essere mandati via, come invece sarebbe accaduto stando alle testimonianze raccolte. Infatti, il dirottamento di migranti da un paese all’altro dell’Ue non è consentito, motivo per cui Malta dovrà fare chiarezza sull’accaduto davanti a un tribunale europeo.

Roberto Ammatuna, sindaco di Pozzallo, si è così espresso in merito: «È senza dubbio la nuova strategia dei trafficanti, che molto probabilmente hanno trasferito molte persone disperate da una nave madre a una nave più piccola».

cms_17578/Foto_2.jpg

Uno dei migranti superstiti, a distanza di un mese, ha confermato quanto accaduto, rilasciando le seguenti dichiarazioni: «Quando siamo partiti dalla Libia abbiamo visto grandi navi commerciali. Ma non si sono mai avvicinate a noi. Il terzo giorno, con il mare fortunatamente calmo e le prime luci dell’alba, abbiamo visto Malta. Tutti erano felici e urlavano. Durante l’avvicinamento siamo stati affiancati da una nave che sembrava turca. Aveva una bandiera rossa con una luna e una stella. Con il megafono qualcuno dell’equipaggio ci ha detto che eravamo a Malta. Poi sono scesi e si sono avvicinati con una piccola barca e ci hanno detto ancora che eravamo nelle acque di Malta: “Continuate per una distanza di 30 minuti e andate a consegnarvi”. Gli abbiamo chiesto: è possibile che ci porti a bordo e ci accompagni? Ha detto “no, non posso”».

Francesco Ambrosio

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram