Manuel De Nicolò: un attore comicamente serio

Mi definisco, "un vero figlio di Puglia"

Manuel_De_Nicolo_un_attore_comicamente_serio.jpg

In occasione del Sanremo New Talent Principessa d’Europa organizzato da Enzo Zambetta e tenutosi a Bari allo Sharivari, la redazione dell’International Post faceva parte della giuria tecnica. Nella giuria artistica, Manuel De Nicolò, uno dei comici più versatili, made in Puglia; carismatico, brillante e astuto che ha intrattenuto e divertito tutti con la sua verve innata. Vinco la mia timidezza, emozionata mi presento e gli chiedo un’intervista.

cms_3865/IMG-20160428-WA0006.jpgMi guarda e mi dice: "ad una condizione, prendere o lasciare" ed io, determinata a portare al giornale la mia intervista dico: "accetto" diventa serio e mi fa: "la prego, sorrida, la risata è una chiave che apre le porte alla vita, oltrepassa limiti e pregiudizi, vede, io sono una persona comicamente seria, la comicità è una cosa seria, bisogna sorridere sempre e seriamente". Iniziamo così con un sorriso la nostra chiacchierata…

cms_3865/Tina_Cardelli-_INTERVISTA.jpg

Da oltre vent’anni la Puglia segue i suoi spettacoli: tv locali e nazionali, piazze, cabaret e in ogni locale che abbia un palcoscenico?

Vero, proprio per questo mi definisco un vero figlio di Puuglia.

Con i tempi difficili che corrono, far ridere è diventata un’ardua impresa?

Non direi, oggi più che mai la gente vuole e ha bisogno di ridere, la risata ha il potere di farti dimenticare tutto: i debiti, la moglie con i bigodini in testa, la suocera; la risata cambia le situazioni, le rivoluziona, una risata allunga la vita, più serio di così.

Come e quando ha scoperto la sua attitudine a far ridere?

cms_3865/foto_alfredo_1.jpg

L’ho scoperta a 6 anni, la mia prima talent scout è stata mia madre, mi cimentavo nelle imitazioni di Franco Franchi e Walter Chiari, lei rideva di gusto, chiamava le vicine di casa ed io mi esibivo per loro, il mio condominio era diventato Bari’s got talent, l’ha scoperto mia madre il talent, cinquant’anni prima della De Filippi. A 17 anni incontrai Franco Scaramuzzi lui è stato il mio primo autore e produttore, un grande uomo. Nel 1996 ideai e scrissi una sit-com per l’emittente Telenorba "Very strong family" fu un grande successo e lo è ancora oggi. Nel 2000 girai il cinepanettone natalizio Bodyguards e Guardie del corpo con la regia di Neri Parenti, nel 2013 con la regia di Domenico Costanzo, Benvenuti al Centro. Ho attraversato l’Italia con lo spettacolo Manuel & Manuel show un mix di umorismo, cabaret, canto, danza e avanspettacolo, con i costumi originali RAI indossati all’epoca da celebrità come Don Lurio (abbiamo la stessa altezza) ed Heather Parisi che tornano in scena nella riproposizione di tutte le sigle dei programmi televisivi di maggior successo.

Un modello di riferimento?

Ho incominciato con Franco Franchi, per poi ispirarmi alla gente comune di tutti i giorni. Porto sul palcoscenico la quotidianità, osservo tutto quello che mi circonda e mi piace interpretare personaggi reali. Quando ho scritto Very strong family, ho portato in scena uno spaccato di famiglia barese con pregi e difetti e questa realtà è stata apprezzata dal pubblico.

Progetti imminenti?

cms_3865/COLORADO_4.jpgAbbiamo in cantiere un film, siete i primi a saperlo pubblicamente, stiamo lavorando alla sceneggiatura di una commedia brillante , che tratterà dei temi importanti, che ho vissuto in prima persona come l’amicizia, il bullismo, la violenza, l’usura. Una coproduzione di Manuel De Nicolò e della Blombe Picture di Leo Bartoli, nostra anche la sceneggiatura e la regia. Il cast, me medesimo, Leo Bartoli, Sabino Bartoli, Matteo Pedone, Maurizio Nicolosi attore siciliano che ha interpretato La lupa con Monica Guerritore, La Piovra di Michele Placido, Il capo dei capi, Squadra antimafia e tanti altri. Inizieremo i provini a maggio, chiunque volesse partecipare ai casting può rivolgersi alla Blombe Picture, contiamo di iniziare le riprese a Luglio e di essere nelle sale per Natale. Siete anche i primi a sapere che sono l’unico pugliese in semifinale, ad un programma Eccezionale Veramente in onda su LA7, con Diego Abatantuono, Paolo Ruffini e Selvaggia Lucarelli nel ruolo di giudici; intervistato dopo l’esibizione nel backstage non sono stato molto dolce con la Lucarelli, per chi mi conosce sa che sono un istintivo e le cose non le mando a dire. Al pubblico il giudizio finale.

Mentre Manuel racconta con enfasi dei suoi progetti, sua moglie Betta una splendida e giovane donna intreccia le dita in segno di scaramanzia e accarezza amorevolmente la mano di Manuel, lui ricambia e dice "se non avessi lei.... è la mia energia"

Con leggerezza si possono affrontare temi pesanti?

Mostrare un difetto umano o un problema in chiave ironica, alleggerisce il problema, lo spettatore che si riconosce nel problema, ride di se stesso; l’autoironia è una delle più grandi forme di intelligenza.

Qual è il suo maggior divertimento?

Far divertire gli altri. Quando finisco i miei spettacoli, osservo in incognita gli spettatori che escono, se li vedo uscire sorridenti e spensierati quello è per me la più grande soddisfazione. A mio avviso il successo vale più di mille Oscar.

Tina Camardelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App