NASA RINVIA AL 2026 IL RITORNO DELL’UOMO SULLA LUNA

NASA_RINVIA_AL_2026_IL_RITORNO_DELL_UOMO_SULLA_LUNA_Pagina_Internazionale__6.jpg

(AdnKronos-Andreana d’Aquino) Si sposta in avanti il ritorno dell’uomo sulla Luna. La Nasa ha infatti annunciato che l’atteso allunaggio della missione Artemis III non ci sarà prima di settembre del 2026. Nell’ambito del programma spaziale di ritorno alla Luna, l’ente spaziale americano ha previsto inoltre la data di settembre 2025 per Artemis II, la prima missione Artemis con equipaggio attorno alla Luna, mentre bisognerà aspettare l’anno dopo per l’Artemis III che prevede di far atterrare i primi astronauti vicino al Polo Sud lunare. Artemis IV, la prima missione verso la stazione spaziale lunare Gateway, rimane in programma per il 2028, ha chiarito l’ente spaziale statunitense.

"Stiamo tornando sulla Luna in un modo mai visto prima e la sicurezza dei nostri astronauti è la massima priorità della Nasa mentre ci prepariamo per le future missioni Artemis" ha affermato l’amministratore della Nasa Bill Nelson. "Abbiamo imparato molto dai tempi di Artemis I. Il successo di queste prime missioni si basa sulle nostre partnership commerciali e internazionali per ampliare la comprensione del posto dell’umanità nel nostro sistema solare. Artemis rappresenta ciò che possiamo realizzare come nazione e come coalizione globale. Quando puntiamo a ciò che è difficile, insieme, possiamo ottenere ciò che è grandioso" ha scandito Nelson.

cms_33100/astronauti.jpg

Garantire la sicurezza dell’equipaggio è il fattore principale per le modifiche al programma di Artemis II. Essendo il primo test di volo di Artemis con l’equipaggio a bordo della navicella spaziale Orion, la missione metterà alla prova i sistemi critici di controllo ambientale e di supporto vitale necessari per supportare gli astronauti. I test della Nasa, ha spiegato l’ente spaziale Usa, per qualificare i componenti per mantenere l’equipaggio al sicuro e garantire il successo della missione hanno rivelato problemi che richiedono ulteriore tempo per essere risolti. I team stanno risolvendo un problema relativo alla batteria e affrontando le sfide con un componente del circuito responsabile della ventilazione dell’aria e del controllo della temperatura.

Intanto l’indagine della Nasa sulla perdita inaspettata di pezzi di strato di carbone dallo scudo termico della navicella durante la missione Artemis I dovrebbe concludersi questa primavera. I team hanno adottato "un approccio metodico", dice la Nasa, per comprendere il problema, compreso "un ampio campionamento dello scudo termico, test e revisione dei dati provenienti da sensori e immagini".

La nuova sequenza temporale per Artemis III si allinea con il programma aggiornato per Artemis II, e la Nasa assicura che garantisce che l’agenzia possa incorporare le lezioni apprese da Artemis II nella prossima missione e riconosce le sfide di sviluppo incontrate dai partner industriali della Nasa. Poiché ciascuna missione Artemis con equipaggio "aumenta la complessità e aggiunge test di volo per nuovi sistemi, il programma modificato darà ai fornitori che sviluppano nuove capacità – SpaceX per il sistema di atterraggio umano e Axiom Space per le tute spaziali di prossima generazione – ulteriore tempo per i test e eventuali perfezionamenti futuri. della missione" ha aggiunto la Nasa.

Catherine Koerner, amministratore associato, Exploration Systems Development Mission Directorate presso la sede della Nasa a Washington, ha spiegato che "bisogna lasciare che sia l’hardware a parlarci in modo che la sicurezza dell’equipaggio guidi il nostro processo decisionale. Utilizzeremo il test di volo dell’Artemis II, e ogni volo che seguirà, per ridurre il rischio per le future missioni sulla Luna" ha affermato Koerner. "Stiamo risolvendo le sfide associate alle capacità e alle operazioni iniziali e siamo più vicini che mai a stabilire un’esplorazione sostenibile del ’vicino più vicino’ alla Terra con Artemis" ha aggiunto inoltre.

Oltre agli aggiornamenti del programma per Artemis II e III, la Nasa sta rivedendo il programma per il lancio dei primi elementi integrati del Gateway, precedentemente pianificato per ottobre 2025, per fornire ulteriore tempo di sviluppo e allineare meglio tale lancio con la missione Artemis IV nel 2028. La Nasa ha anche riferito di aver chiesto a entrambi i fornitori del sistema di atterraggio umano Artemis – SpaceX e Blue Origin – di iniziare ad applicare le conoscenze acquisite nello sviluppo dei loro sistemi come parte dei loro contratti verso variazioni future per consegnare potenzialmente "carichi di grandi dimensioni" nelle missioni successive.

"Artemis è una campagna di esplorazione a lungo termine per condurre ricerche scientifiche sulla Luna con gli astronauti e prepararsi per le future missioni umane su Marte. Ciò significa che dobbiamo farlo bene mentre sviluppiamo e facciamo volare i nostri sistemi fondamentali in modo da poter svolgere queste missioni in sicurezza" ha sottolineato Amit Kshatriya, vice amministratore associato dell’Exploration Systems Development e direttore dell’ufficio del programma Moon to Mars della Nasa presso la sede centrale. "La sicurezza dell’equipaggio è e rimarrà la nostra priorità numero uno" ha detto.

I leader della Nasa hanno anche sottolineato l’importanza che tutti i partner consegnino in tempo tutte le ’parti’ delle missioni in modo che l’agenzia possa massimizzare gli obiettivi di volo. L’ente spaziale Usa valuta infatti regolarmente i progressi e le tempistiche per garantire che l’agenzia e i suoi partner possano raggiungere con successo gli obiettivi di esplorazione dalla Luna a Marte. Con Artemis, la Nasa esplorerà la Luna come mai fatto anche con le missioni Apollo e imparerà a vivere e lavorare lontano dalla Terra, dalla nostra casa, e si preparerà per la futura esplorazione umana del Pianeta Rosso. Il razzo SLS (Space Launch System) della Nasa, i sistemi di esplorazione terrestre e la navicella spaziale Orion - insieme al sistema di atterraggio umano, alle tute spaziali di prossima generazione, alla stazione spaziale lunare Gateway e ai futuri rover - costituiscono le basi della Nasa per l’esplorazione dello spazio profondo.

Redazione Scienza & Tecnologia

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram