NIGERIA, AGGUATO IN UNA CHIESA CATTOLICA

Numerosi morti e feriti, sospettata comunità di pastori Fulani

1654472696NIGERIA_Bandiera.jpg

cms_26325/00.jpgLa domenica appena trascorsa è stata segnata dall’ennesima strage sul territorio africano. Come in tanti altri casi, un dramma ascrivibile alle sanguinose tensioni interetniche e interreligiose tra la popolazione locale e i pastori nomadi islamici Fulani spesso di passaggio in Nigeria. La chiesa cattolica di San Francesco a Però, nel sud ovest del paese, ha subito un attacco in cui hanno perso la vita decine di fedeli, tra cui donne e bambini. Cinque uomini armati avrebbero aperto il fuoco sugli astanti e lanciato ordigni.

Occorre precisare che lo stato nigeriano in cui è avvenuto il fatto, l’Ondo, è lontano dal nord della Nigeria, in cui sono attivi da 12 anni gli estremisti di Boko Haram. Il governatore Oluwarotimi Akeredolu, infatti, afferma che la zona aveva “goduto di relativa pace nel corso degli anni”.

cms_26325/Foto_1.jpg

Il bilancio non è ancora confermato, ma certamente sono morte almeno 20 persone; innumerevoli, poi, i feriti.

L’attacco non è stato rivendicato ma una organizzazione locale facente capo all’etnia Yoruba ha accusato i pastori Fulani. Pare che il gesto fosse indirizzato contro il governatore Akeredolu per il suo “rigoroso rispetto della legge sul pascolo aperto”, ha dichiarato l’associazione Afenifere, aggiungendo che “i terroristi, per lo più stranieri fulani, dovrebbero essere catturati e uccisi”. Una pista accreditata anche dal direttore della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa (Acs), Alessandro Monteduro: “Se il banditismo in Nigeria alcuni decenni fa si avvaleva di archi e frecce, negli ultimi anni i Fulani si sono dotati di Ak47, diffusissimi nel Paese dopo la caduta di Gheddafi. L’assenza di un buon governo e la corruzione sta contribuendo a tutto questo”.

Alice My

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram