NUOVA LINEA STRATEGICA PER I PORTUALI DI TRIESTE

I lavoratori intendono portare avanti la causa No Green pass con azioni più responsabili

1634944974Copertina.jpg

Cambio di rotta a Trieste per il movimento No Green pass, che si sta orientando verso iniziative più attente nel portare avanti le loro istanze. La nuova linea strategica tiene conto sia dell’esigenza di evitare disagi sostanziali nello svolgimento di tutte le attività dello scalo marittimo sia della necessità di evitare e limitare le situazioni di rischi per l’ordine pubblico, a causa di eventuali infiltrazioni di disturbo. Peraltro, gli stessi No Green pass hanno invitato i lavoratori provenienti da altre città a non recarsi a Trieste per la grande manifestazione di protesta che era in programma per venerdì 22 ottobre, ma che a conti fatti è stata annullata. Contestualmente hanno suggerito di manifestare nelle proprie sedi secondo modalità pacifiche e responsabili, assicurando il proprio supporto mediatico anche alle altre categorie di lavoratori e ribadendo, in ultimo, la propria volontà di salvaguardare ogni azione da strumentalizzazioni e ingerenze opportunistiche.

cms_23571/Foto_1.jpg

I dimostranti, dunque, portano avanti la propria lotta seguendo una nuova strategia, alla luce della quale gli organizzatori sono pervenuti ad alcune decisioni. Oltre all’annullamento della manifestazione di venerdì 22 (avendo saputo che erano stati autorizzati, contemporaneamente, altri cortei, si poteva ipotizzare un rischio per l’ordine pubblico), sono giunti ad approntare un proprio ufficio stampa per definire un testo ufficiale delle proprie azioni ed evitare manipolazioni di informazioni di parte, non rispondenti alla realtà. Tutto questo va nella direzione di una strategia sicuramente innovativa e da esempio per tutto il movimento sindacale, che dovrebbe conciliare le legittime istanze dei lavoratori, la loro libertà e facoltà di esprimere e manifestare le proprie opinioni e posizioni, nonché l’esigenza di evitare circostanze e avvenimenti che possono mettere a rischio la sicurezza dell’ordine pubblico. Naturalmente questo va tenuto presente da tutte le parti in causa, con spirito di equilibrio e buon senso, nella prospettiva di una pacifica soluzione di qualunque controversia.

cms_23571/Foto_2.jpg

Può sembrare utopia ma, a volte, basta cogliere al volo l’occasione giusta per imboccare "la diritta via", ed evitare le ripetitive e, purtroppo, rovinose forme di competizione tra le parti; nel caso specifico, l’auspicio è quello che tenendo conto delle decisioni ragionevoli e responsabili dei portuali di Trieste, si possano adottare misure equilibrate e soddisfacenti per entrambe le parti, e che ciò possa valere come esempio per il futuro.

Antonio Iasillo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos