Narendra Modi vince in India

Modi:“ i militari italiani hanno ucciso i pescatori locali senza che il governo indiano facesse nulla per punirli”.

india_6401.jpg

cms_699/rahul_gandhi--621x414.jpgSonora sconfitta del figlio di Sonia Gandhi, Rahul, che, da 206 deputati del Lok Sabha uscente, ora stenta a raggiungere quota cinquanta. E’ una sconfitta che mette in discussione la gestione storica della famiglia Gandhi-Nehru.

cms_699/download.jpg

Da trenta anni non si vedeva un partito riuscire ad acquisire, da solo, la maggioranza parlamentare. Nella capitale, la destra, è riuscita a conquistare tutti i seggi a disposizione. Gli exit poll avevano previsto la vittoria, ma non in così larga misura, basti solo pensare che, Narendra Modi, leader dei Bharatiya Janata Party, nella ’battaglia’ di Varanasi, l’antica Benares, con mezzo milione di voti personali, ha nettamente sconfitto Arvind Kejriwal, leader del partito che sino a oggi ha governato in India.

cms_699/india-marò.jpg

Solo nello Stato del Kerala, dove sono prigionieri, da oltre ventisette mesi, i due marò Italiani, il candidato del Bjp, O. Rajagopal, non è riuscito a strappare il seggio all’uscente ministro del Congresso, Shashi Tharoor, che, sia pure per poco, lo conserva. Non è ancora dato a sapersi se l’arrivo al potere di Modi aiuterà o no i due militari italiani. Vista ora la negativa risposta elettorale avuta in Kerala, alcuni osservatori notano oggi che, il futuro premier, potrebbe avere meno remore ad affrontare la questione dei marò con l’Italia.

cms_699/250__1_648_20130327_170218.jpgDi parere diverso è Stefano Silvestri, analista di politica estera e direttore di “Affari Internazionali”, che, in un’intervista sulla Stampa, ha spiegato, che, la vittoria di Narendra Modi non influenzerà in maniera rilevante la condizione dei Marò. “Non credo ci sarà un grande effetto. La vera grande novità, anche sotto il profilo del contenzioso con l’Italia, è anzitutto che le elezioni abbiano avuto luogo, perché in tutta evidenza cesseranno le tensioni politiche che il lungo percorso elettorale ha comportato”.

cms_699/Il_palazzo_Mysore_nel_Kerala_India.jpg

E non dimentichiamo che il voto in Kerala si è giocato anche sulla vicenda dei due fucilieri di Marina italiana Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, incarcerati per l’uccisione di due pescatori durante una missione di protezione di una nave mercantile.

cms_699/images.jpgPer cercare di conquistare il voto dei keralesi, e dei tre milioni di pescatori, Narendra Modi aveva tenuto un comizio dai toni molto forti, in cui aveva ricordato che, “militari italiani hanno ucciso i pescatori locali senza che il governo indiano facesse nulla per punirli”. "Hanno forse il coraggio - aveva aggiunto - il premier, il chief minister del Kerala, il ministro della Difesa, di rispondere alle mie domande sull’uccisione dei pescatori?”.

cms_699/l43-mogherini-squadra-renzi-131209163925_big.jpgFa bene il ministro degli Esteri Federica Mogherini a chiedere, con più forza, il coinvolgimento dell’Onu e di tutta l’Europa sulla questione in atto che, non può essere esclusivamente di natura Bilaterale tra l’Italia e l’India, perché si tratta di “lotta alla pirateria", in acque, dove transitano marinerie di tutto il mondo.

Attilio miani

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App