Nasce il nuovo governo Conte

Di Maio: "Governo ambizioso e coraggioso" - Zingaretti: "E’ un governo di svolta" - Salvini: "Persone sbagliate al posto sbagliato"

GOVERNO_5_9_2019.jpg

Nasce il nuovo governo Conte

cms_14070/Conte_quirinale_Adn.jpg

Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ha sciolto la riserva al Quirinale, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il giuramento dei ministri del nuovo governo si tiene questa mattina alle 10. Secondo step lunedì 9 settembre, alle 10, quando si riunirà la capigruppo della Camera per definire i tempi del dibattito sulla fiducia al governo. A quanto si apprende da fonti parlamentari, il dibattito dovrebbe iniziare in aula a Montecitorio alle 11.

La squadra annunciata è composta da Luigi Di Maio al ministero degli Esteri, all’Interno Luciana Lamorgese , resta Alfonso Bonafede alla Giustizia, Lorenzo Guerini alla Difesa, ministro dell’Economia Roberto Gualtieri mentre Stefano Patuanelli va allo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova alle Politiche Agricole e all’Ambiente resta Sergio Costa .

Il ministero dell’Infrastrutture va a Paola De Micheli , quello del Lavoro a Nunzia Catalfo , l’Istruzione, Università e Ricerca a Lorenzo Fioramonti mentre a quello dei Beni culturali, con delega al Turismo, torna Dario Franceschini ; cambio al dicastero della Salute, dove arriva Roberto Speranza . Nella ’stanza dei bottoni’ a palazzo Chigi, c’è in veste di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, l’esponente pentastellato Riccardo Fraccaro.

SENZA PORTAFOGLIO - Tra i componenti del governo senza portafoglio il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà , Paola Pisano all’Innovazione tecnologica, Fabiana Dadone alla Pubblica Amminstrazione, Francesco Boccia agli Affari Regionali e alle Autonomie, Giuseppe Provenzano ministro per il Sud, Vincenzo Spadafora allo Sport e Politiche giovanili, Elena Bonetti alle Pari Opportunità e Famiglia ed Enzo Amendola agli Affari Europei.

Sono 21 i ministri del Conte bis, 13 con portafoglio e 8 senza: dieci ai Cinque Stelle, nove al Pd, uno in quota Leu. Sette le donne, un terzo del totale, e tra queste spicca l’unico tecnico, Luciana Lamorgese, che occupa la poltrona del Viminale.

CONTE - "Forti di un programma che guarda al futuro, indicheremo con questa squadra le nostre migliori energie, le nostre competenze, la nostra più intensa passione a rendere l’Italia migliore nell’interesse di tutti i cittadini da Nord a Sud" ha detto Giuseppe Conte, dopo aver letto la lista dei ministri al Quirinale.

MATTARELLA - "Una volta che, in base alle indicazioni di una maggioranza parlamentare, si è formato un governo, la parola compete al Parlamento e al governo", che "nei prossimi giorni - ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella - si presenterà davanti alle Camere per chiedere la fiducia e presentare il suo programma".

Di Maio: "Governo ambizioso e coraggioso"

cms_14070/DiMaio_Ftg_30082019.jpg

"Dopo la votazione degli iscritti su Rousseau abbiamo chiuso oggi l’assetto della nuova squadra di governo. Sarà e dovrà essere un governo coraggioso e ambizioso, in grado di portare avanti importanti provvedimenti per la crescita e lo sviluppo dell’Italia". Lo scrive il neo ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Facebook. "Un governo capace di sostenere il tessuto imprenditoriale, di offrire nuove opportunità sul mercato del lavoro e un governo vicino alle famiglie, non solo a quelle più in difficoltà, ma a tutta la classe media", aggiunge.

"C’è tanta voglia di fare", prosegue, ringraziando i "ministri uscenti, per lo straordinario lavoro che hanno svolto nei 14 mesi precedenti, per la passione che hanno impiegato e le energie che hanno speso in favore della collettività". "Il mio in bocca al lupo invece -continua- ai nuovi, a chi domani giurerà nelle mani del capo dello Stato. Abbiamo molta strada davanti e molto fiato in corpo. Buon lavoro!".

Zingaretti: "E’ un governo di svolta"

cms_14070/zingaretti_quir_afp.jpg

"Bene questa svolta, ora è il tempo di cambiare l’Italia. Questo governo nasce nel Parlamento come il governo precedente, abbiamo fermato Salvini e il solo annuncio di questa fase sta facendo tornare l’Italia protagonista in Europa". Lo dice Nicola Zingaretti.

"Il calo incredibile dello spread che si è già determinato significa soldi in più nelle tasche degli italiani. Noi siamo stati uniti e responsabili. Ora c’è un programma unico, di tutti, chiaro, di svolta e una squadra nuova -prosegue il segretario del Pd-. Il governo è di forte cambiamento anche generazionale e deve partire e lavorare per il bene del paese, produrre fatti e risultati sui temi che abbiamo indicato dal taglio delle tasse, allo sviluppo fondato sulla green economy, gli investimenti e le infrastrutture, un piano per la casa, la ripresa degli investimenti nelle periferie, il lavoro, la scuola, l’università".

"Un governo per essere vicino all’Italia che soffre e all’Italia che cresce. Dobbiamo rilanciare l’economia italiana in un periodo che rischia di essere difficile per lo sviluppo e la crescita in Europa. E dobbiamo farlo insieme, una nuova maggioranza non litigiosa ma plurale, unita per il bene dell’Italia”, conclude Zingaretti.

Salvini: "Persone sbagliate al posto sbagliato"

cms_14070/Salvini_piazza_montecitorio_Fg_3-5-3447103485.jpg

"Un governo nato tra Parigi e Berlino e dalla paura di mollare la poltrona, senza dignità e senza ideali, con persone sbagliate al posto sbagliato". Così Matteo Salvini, in una nota arrivata subito dopo la lista dei ministri comunicata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. "Lavoriamo - assicura il leader della Lega - come e più di prima, non potranno scappare dal giudizio degli Italiani troppo a lungo: siamo pronti, il tempo è galantuomo, alla fine vinceremo noi".

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App