OK DELL’UE AL SOSTEGNO PUBBLICO PER LE BANCHE ITALIANE

Il programma di 150 miliardi sarà valido per tutto il 2016

OK_DELL_UE_AL_SOSTEGNO_PUBBLICO_PER_LE_BANCHE_ITALIANE.jpg

Il governo italiano potrà attivare, in caso di necessità, un sostegno pubblico di liquidità per le banche purché nel rispetto delle regole sugli aiuti di Stato. Lo ha deciso l’Unione europea. La portavoce della Commissione UE, che ha annunciato alla stampa il lascia passare al sostegno diretto del governo italiano alle banche da parte dell’Unione Europea, non ha fornito dettagli utili circa la tipologia di garanzie che sono state autorizzate. Tuttavia, il budget richiesto dal governo italiano è stato considerato “appropriato” alle circostanze.

cms_4174/foto_2.jpg

Secondo il Wall Street Journal, il piano prevede una garanzia statale fino a 150 miliardi di euro che potrà essere attivata entro la fine dell’anno e potrà essere concessa solo alle banche ritenute solvibili. La Commissione Ue ha autorizzato, in base alle regole sugli aiuti di Stato, l’introduzione di uno schema di garanzia per le banche italiane fino al 31 dicembre 2016. Lo schema copre misure di supporto alla liquidità in favore di banche solventi come misura precauzionale", scrive la Commissione Ue in una nota. Lo schema è in linea con le linee guida della Commissione sugli aiuti di Stato alle banche durante la crisi (la comunicazione pubblicata nel 2013), uno schema già applicato in diversi Stati. "L’Italia ha chiesto alla Commissione di autorizzare il sostegno alla liquidità, che può essere fornito a banche solvibili in caso di bisogno", si legge nella nota. L’Italia "ha notificato questa misura per motivi precauzionali", ma "non ci sono aspettative che sopravvenga la necessità di usare questo schema".

cms_4174/foto_3.jpg

Lo schema proposto dall’Italia e autorizzato dalla Commissione "mette il Governo in condizioni di intervenire in caso di scenari avversi", perché "davanti alle turbolenze dei mercati finanziari dei giorni scorsi - il risultato del referendum inglese ha inflitto un duro colpo al comparto bancario italiano - ha ritenuto opportuno ipotizzare tutti gli scenari, anche i più improbabili, per essere pronto a intervenire a tutela dei risparmiatori": lo fanno sapere fonti del Mef. La speranza, insomma, del governo italiano è quella di utilizzare questo supporto per contenere, in caso di scenari avversi, il panico degli investitori, che potrebbe tradursi in una corsa agli sportelli, con impatto diretto sulla liquidità delle banche. La Commissione, invece, sottolinea che si tratta di un salvagente di emergenza e che, anzi, non si aspetta nemmeno che vi sia reale necessità di utilizzarlo.

cms_4174/foto_4.jpg

È pur vero che il supporto alla liquidità è solo un cuscinetto temporaneo per le banche italiane in condizioni disastrose. Tutto questo infatti non risolve neanche lontanamente il problema di raccogliere capitale sufficiente per sostenere le svalutazioni dei crediti deteriorati.

Mary Divella

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram