OMS:" EUROPA OSSERVATA SPECIALE"

In Italia ulteriori 10.172 contagi e altri 72 morti - I dati dalle Regioni - Covid Italia, anestesisti: "In intensiva 95% non vaccinati" - Green pass Italia, cos’è la regola delle ’2G’

18_11_2021.jpg

cms_23858/2_OMS-logo.jpg

OMS:"Europa osservata speciale"

La quarta ondata del virus sta dilagando in Europa. Diversi i Paesi del Vecchio Continente che tra restrizioni, nuovi lockdown e misure per i non vaccinati stanno cercando di contenere le infezioni.

L’aumento dei casi è generale, evidenzia l’Oms, ma l’Europa ormai da giorni è ’osservata speciale’, in quanto ha guidato il rialzo delle infezioni registrate e continua a mostrare numeri in salita con la più alta incidenza settimanale dei casi per 100mila abitanti (230), seguita dalla Regione delle Americhe (74,2 nuovi casi ogni 100mila abitanti).

cms_23858/4.jpg

cms_23858/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 10.172 contagi e altri 72 morti

Sono 10.172 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 72 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 537.765 tamponi con un tasso di positività all’1,89%.

Sono 4.060 (+90) i ricoverati con sintomi. Sono 486 (+5) le terapie intensive occupate. I guariti sono 4.623.192 (+6.406) da inizio pandemia.

cms_23858/italia.jpg

I dati dalle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 11 Novembre 2021)

LAZIO - Sono 944 i nuovi contagi da coronavirus. Eseguiti 16.625 tamponi molecolari e 34.629 tamponi antigenici per un totale di 51.254 test. Cinque i decessi (stabili), 597 i ricoverati (-8), 77 le terapie intensive (+3) e +566 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,8%. I casi a Roma città sono a quota 445.Nel Lazio superate 9 milioni di somministrazioni con il 93,5% di adulti in doppia dose e 87,5% degli over 12 in doppia dose.

ABRUZZO - Sono 173 i nuovi contagi da coronavirus.Non si registrano morti. I nuovi casi, di età compresa tra 1 e 93 anni, portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 85127. Il bilancio dei pazienti deceduti resta fermo a 2571. Nel numero dei positivi sono compresi anche 79612 dimessi/guariti (+116).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 2944 (+57). Nel totale sono ricompresi anche 455 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche. Sono 85 (+2) i pazienti ricoverati in ospedale in area medica; 12 (=) in terapia intensiva, mentre gli altri 2847 (+55) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 651 i nuovi contagi da coronavirus.Eseguiti 8.819 tamponi molecolari con una percentuale di positività del 7,38%. Sono inoltre 14.238 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 36 casi (0,25%).

Si registrano 6 decessi: una donna di 93 anni di Trieste deceduta in una residenza per anziani; un uomo di 91 anni e uno di 85 entrambi di Trieste deceduti in ospedale; un uomo di 89 anni di San Canzian d’Isonzo deceduto in ospedale a Gorizia; una donna di 88 anni di Lignano Sabbiadoro deceduta in ospedale a Udine e una donna di 72 anni di Pagnacco deceduta in ospedale a Udine. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 25, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 178.

VENETO - Sono 1.435 i nuovi contagi da coronavirus. Sale così il numero di positivi totali in regione ad oggi a 17.648, mentre sono 6 i decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 21.472 tamponi molecolari e 63.735 antigeni. La città di Padova è sempre in testa alla classifica di nuovi casi a quota 358, davanti a Treviso 287 e Venezia con 286.

TOSCANA - Sono 372 i contagi da coronavirus registrati su 28.102 test di cui 10.174 tamponi molecolari e 17.928 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 1,32% (4,4% sulle prime diagnosi). I vaccini attualmente somministrati in Toscana sono 6.115.402.

SARDEGNA - Sono 130 i nuovi contagi da Coronavirus.Da ieri ci sono stati 2 morti, una donna di 86 anni e un uomo di 89, entrambi residenti nella provincia di Oristano. Nelle ultime 24 ore sono stati processati, fra molecolari e antigenici, 9.247 test. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 10 (+1). I pazienti ricoverati in area medica sono 43 (-1). In isolamento domiciliare nell’isola 1.942 sono i casi di isolamento domiciliare.

CALABRIA - Sono 197 i nuovi contagi da Coronavirus.Da ieri ci sono stati 2 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 4.437 tamponi. I guariti da ieri sono stati 143. Sono 7 in più i ricoverati, 10 (-1) le terapie intensive occupate e 46 le persone in isolamento. Da inizio pandemia le vittime nella Regione sono state 1.472.

BASILICATA - Sono 40 i nuovi contagi da Coronavirus.Da ieri non c’è stata alcuna vittima. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 951 tamponi molecolari. I lucani guariti o negativizzati nella giornata di ieri sono 25. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 23 (-2).Gli attuali positivi residenti in Basilicata sono in tutto 963.

Per la vaccinazione, ieri sono state effettuate 1.993 somministrazioni di cui 1.500 sono terze dosi. Finora 435.118 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino pari al 78,6% del totale della popolazione residente, mentre 399.360 persone hanno completato il ciclo vaccinale pari al 72,2%.

PIEMONTE - Sono 618 i contagi da coronavirus. Registrato un morto. I nuovi casi (di cui 248 dopo test antigenico) sono pari all’1,3% di 48.888 tamponi eseguiti, di cui 40.781 antigenici. Dei 618 contagi, gli asintomatici sono 352 (57%). I casi sono 276 di screening, 253 contatti di caso, 89 con indagine in corso.

I ricoverati in terapia intensiva sono 24 (+ 4). I ricoverati non in terapia intensiva sono 296 (+ 9). Le persone in isolamento domiciliare sono 6.263. I tamponi diagnostici finora processati sono 9.177.222 (+48.888), di cui 2.442.504 risultati negativi. I pazienti guariti diventano complessivamente 376.586 (+321).

CAMPANIA - Sono 871 i nuovi contagi da Coronavirus.Nelle ultime 48 ore ci sono stati 7 morti, ma ne sono stati registrati altri 3 che sono avvenuti nei giorni precedenti.

Nelle ultime 24 ore sono stati processati 30.583 test nella Regione. In Campania sono 21 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e 297 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

EMILIA ROMAGNA - Sono 756 i nuovi contagi da Coronavirus. Da ieri i morti sono stati due: un 86enne della provincia di Bologna e una 98enne di Ravenna. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 40.443 tamponi, di cui 4.669 test antigenici rapidi, con un tasso di positività all’1,9%. L’età media dei nuovi positivi ad oggi è 41 anni. In isolamento 10.954 persone. Da ieri sono guarite 396 persone. Da inizio pandemia nella Regione sono morte 13.680 persone. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 41 (-1), 459 (+26) quelli negli altri reparti Covid.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 139 nuovi casi e Ravenna con 131, seguono Forlì e Rimini, entrambe 101 casi, poi, Ferrara a 68, Cesena a 64, Reggio Emilia a 47 e Imola a 36, quindi, Piacenza e Parma, entrambe a 26 casi, e, infine, Modena con 17 nuovi casi.

LOMBARDIA - Sono 1.858 i nuovi contagi da Coronavirus.Da ieri i morti sono stati 13, facendo salire il totale delle vittime da inizio pandemia nella Regione a 34.261. A fronte dei 106.695 tamponi effettuati il rapporto tra positivi e i tamponi si attesta all’1,7%. In aumento i ricoveri in terapia intensiva: sono 53 (+2), mentre i pazienti ricoverati non in terapia intensiva sono 556 (+32).

Sono 609 i nuovi positivi al Covid registrati nella provincia di Milano nelle ultime 24 ore, di cui 241 a Milano città. Quanto alle altre province lombarde, a Bergamo si registrano 114 nuovi casi, a Brescia 224, a Como 116, a Cremona 74, a Lecco 50, a Lodi 48, a Mantova 67, nella provincia di Monza e Brianza 187, a Pavia 75, a Sondrio 24 e a Varese 213.

SICILIA - Sono 491 i nuovi contagi da Coronavirus. Da ieri sono stati registrati 7 morti nell’isola per Covid. Nelle ultime 24 ore sono stati 407 i pazienti dimessi o guariti. In totale, gli attuali positivi sono 9.613 e di questi 351 sono ricoverati, 43 (+2)in terapia intensiva e 9.219 sono in isolamento domiciliare.

LIGURIA - Sono 271 i nuovi contagi da Coronavirus.Da ieri ci sono stati 3 morti. Nelle ultime 24 ore sono guarite 181 persone. Nella Regione al momento ci sono 2.389 positivi.

Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Genova a 107, Imperia a 62, La Spezia a 59 e Savona a 38.

cms_23858/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_23858/Antonio_Giarratano_SIAARTI.jpgCovid Italia, anestesisti: "In intensiva 95% non vaccinati"

Nelle terapie intensive italiana la maggioranza dei ricoverati, "il 95%", non è vaccinato. Ma "la novità, ora, è che stanno cominciando a crescere i vaccinati fragili, che si sono immunizzati all’inizio della campagna vaccinale, in cui è presumibile un calo della protezione anticorpale". E che sono messi a rischio "dalla circolazione del virus favorita da quanti non si sono sottoposti al vaccino". A tracciare il quadro è Antonino Giarratano, neo presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva (Siaarti).

"Fino a poche settimane fa - spiega ancora Giarratano - nei nostri reparti erano quasi tutti non vaccinati, con un 5% di vaccinati fragili. Nelle ultime due settimane, in diverse aree del Paese, dai dati del nostro sistema di monitoraggio Siaarti, crescono i fragili vaccinati, con differenze regionali che vanno dal 5 al 15%. E cominciamo a vedere anche ’fragili meno fragili’, ovvero non più il diabetico, scompensato, con problemi polmonari e grande anziano, il cui equilibrio è particolarmente precario. Adesso vediamo anche pazienti che non hanno patologie concomitanti gravi in senso stretto, parliamo dei grandi obesi oppure gravi ipertesi, con un’età dai 48 ai 59 anni. Pazienti che hanno una sola di queste problematiche".

Per evitare che le persone vulnerabili, nonostante la doppia vaccinazione, vadano incontro a ricoveri, spiega Giarratano, è necessario "vaccinare una percentuale superiore al 90% della popolazione. E serve farlo su due fronti: con la prima dose, a chi non si è mai vaccinato per evitare la circolazione del virus, e con la terza dose per i fragili, anche con una sola patologia a rischio, che hanno fatto la vaccinazione 9-10 mesi fa, in modo da aumentare la capacità di riposta immunitaria ed evitare che arrivino nelle nostre terapie intensive come sta accadendo".

cms_23858/download.jpgGreen pass Italia, cos’è la regola delle ’2G’

L’ipotesi di un lockdown solo per i non vaccinati non convince in Italia, ma di fronte alla crescita dei contagi da covid nel dibattito sale alla ribalta il green pass 2G, ovvero il rilascio del certificato verde - sull’esempio di Austria e Germania - solo per vaccinati (geimpft) o guariti (genesen), escludendo il tampone negativo.

La soluzione 2G in Italia si inserirebbe nelle discussioni sulle regole da adottare in caso di eventuali passaggi di regioni in zona arancione o zona rossa.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos