ORRORE IN CANADA

Trovati i corpi di 215 bambini nel giardino della Kamloops Indian Residential School

1622339627ORRORE_IN_CANADA.jpg

Giunge dal giardino di quella che un tempo era la Kamloops Indian Residential School, nel Canada occidentale una scoperta shock: i resti di ben 215 bambini, stipati in una sorta di fossa comune, quasi certamente appartenenti all’etnia indigena. La Kamloops Indian Residential School faceva parte, infatti, dell’insieme di ’Indian residential schools’, rete di istituti voluti dal governo e gestiti dalle Chiese cattoliche con il preciso scopo di assimilare i figli degli indigeni nella cultura dominante, la cosiddetta “educazione bianca”.

cms_22038/Foto_1.jpg

La minoranza etnica ’Tk’emlúps te Secwépemc’ paventava già da decenni l’emergere di un’agghiacciante verità. Pare che i bambini fossero costretti a subire abusi sessuali e fisici, pagando a volte con la vita quella che era la loro unica “colpa”: essere indigeni. La Kamloops Indian Residential School, una delle più grandi del Paese, iniziò l’attività alla fine del 19mo secolo sotto la gestione della Chiesa cattolica prima di passare sotto il controllo del governo nella seconda metà degli anni Sessanta e di chiudere i battenti nel 1978.

cms_22038/Foto_2.jpeg

Le origini dell’odio xenofobo dei Canadesi verso gli indigeni sono ben spiegate dalle parole di Ry Moran, ex direttore del National Research Centre for Truth and Reconciliation: «La soppressione o sottomissione degli indigeni fu una strategia precisa in Canada.Eravamo una colonia da cui le madrepatrie — Gran Bretagna e Francia — pompavano risorse. Il primo obiettivo era l’accesso ai fiumi, al legname, al mare, alla terra da coltivare. Il mito del territorio vergine da conquistare è falso. C’era gente che viveva qui da centinaia di anni. Lo Stato canadese doveva cancellare le popolazioni indigene in qualche modo e raccontare una nuova storia, dei miti appunto: che questa terra era stata “scoperta”, che gli indigeni stavano morendo e sarebbero scomparsi e quindi era meglio integrarli, assimilarli nella società occidentale che si stava formando. Venne impedito loro, “legalmente”, di partecipare attivamente al nuovo Stato, nessun diritto di voto, nessun diritto di assembramento per più di tre persone, rimozione forzata dalle loro terre tradizionali per confinarli nelle riserve e trasferimento forzato dei bambini nelle scuole residenziale. Dovevi raccontare la storia di una nazione che si formava, gran parte di quello che le popolazioni indigene subivano era tenuto lontano dalla vista della pubblica opinione. Non era discussa»

Anna Maria Stanca

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos