OTRANTO

Il Faro di Punta Palascia, scopriamo la sua storia

1647058779APPUNTI_DI_VIAGGIO_R5_OTRANTO_(2).jpg

cms_25171/0.jpgNei territori circostanti Capo d’Otranto si trova il Faro di Punta Palascia una località dove ammirare una vista mozzafiato, nota per essere il punto più orientale della penisola italiana.

Punta Palascia è raggiungibile dalla strada litoranea che da Otranto porta verso Santa Maria di Leuca.

Prima dell’attuale costruzione in questo stesso luogo, si trovava un’antica torre d’avvistamento risalente al XVI secolo.

cms_25171/1.jpgL’edificio aveva la funzione di controllare le coste dalle incursioni dei pirati provenienti dalla Turchia. La struttura venne abbandonata, cadde in abbandono e nel 1869 fu del tutto rasa al suolo. Successivamente si realizzò il faro, gestito dalla Marina Militare Italiana, rimasto in funzione come stazione meteorologica fino agli anni ’70.

Nei primi anni del 2000 venne presentato un progetto d’ampliamento che prevedeva l’aggiunta di nuove costruzioni. L’episodio mobilitò la gente del luogo e numerose associazioni ambientaliste, che riuscirono a impedirne la realizzazione, ponendo l’intera area sotto tutela. Dopo questi avvenimenti si intraprese un’opera di ristrutturazione che ha visto il recupero dell’edificio. Attualmente il sito è monitorato dalla Comunità Europea, è uno dei 5 fari più importanti del Mar Mediterraneo e fa parte del Parco Naturale Regionale Costa Otranto S.M. di Leuca – Bosco di Tricase.

cms_25171/2_1647058014.jpgPer visitare il faro si deve percorrere un sentiero molto apprezzato dagli appassionati di passeggiate e trekking.

Il percorso è abbastanza facile, si snoda tra scogliere, strade di epoca romana e tratturi, rivelando scorci estremamente suggestivi, incorniciati dai profumi della tipica macchia mediterranea.

Gli interventi di recupero intrapresi hanno coinvolto tutto l’edificio, compresi i piani bassi dove un tempo risiedevano i guardiani del faro insieme alle proprie famiglie.

Un’impresa lunga resa ancora più difficile data la posizione impervia del Faro di Punta Palascia.

cms_25171/3.jpg

L’imponente torre è realizzata in carparo, una pietra calcarenitica tipica di questi territori. Dalla terrazza si apre una vista unica e indimenticabile, tanto che nelle giornate serene sono visibili distintamente le coste dell’Albania. Le stanze e le sale interne, oggi, sono la sede del Museo di Ecologia degli Ecosistemi Mediterranei.

July Aranel

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram