Oms: "Non c’è pallottola d’argento contro Covid, forse non ci sarà mai"

In Italia 35.166 il totale delle vittime da inizio emergenza. Istat: un milione e mezzo di italiani ha gli anticorpi

CORONAVIRUS_4_8_2020.jpg

cms_18544/1.jpg

"Non c’è una pallottola d’argento al momento. E potrebbe non esserci mai". Lo ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull’emergenza. "E’ in corso la terza fase della sperimentazione di alcuni vaccini. Speriamo in vaccino efficace che possa evitare l’evitazione. Ma al momento non c’è una pallottola d’argento e potrebbe esserci mai", dice. Per fermare l’epidemia, quindi, servono "test, isolamento, tracciamento dei pazienti, quarantena per i contatti". Ogni individuo deve "osservare il distanziamento fisico, indossare una mascherina, lavare le mani regolarmente, tossire lontano dagli altri. Fatelo tutti".

"Sappiamo dagli studi sierologici che la maggior parte delle persone rimane suscettibile a questo virus, anche in aree che hanno subito gravi focolai. Durante la scorsa settimana abbiamo visto diversi paesi che sembravano aver superato il peggio ora affrontare nuovi picchi di casi. Tuttavia, abbiamo anche visto come alcuni paesi o aree che hanno avuto un numero elevato di casi stanno ora controllando l’epidemia. Non è facile, ovviamente. Ma se ci impegnamo tutti non è mai troppo tardi, il virus può essere sconfitto", sottolinea citando Martin Luther King.

"Come ci ha insegnato" il leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani, "è sempre il momento giusto per fare la cosa giusta. Non è mai troppo tardi per adottare un approccio globale contro il virus", assicura. E la cosa giusta, ricorda, è seguire le misure efficaci contro il virus. Se i leader politici "lavorano intensamente con la popolazione, questa malattia può essere messa sotto controllo. Impariamo ogni giorno cose nuove su questo virus e sono lieto che il mondo abbia compiuto progressi nell’individuare i trattamenti che possono aiutare le persone con le forme più gravi di Covid-19 a guarire".

cms_18544/4.jpg

Sono 12 le persone morte con coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, il totale delle vittime da inizio emergenza sale a 35.166. E’ quanto emerge dal report giornaliero del Ministero della Salute, consultabile sul sito della Protezione Civile. E ancora: 159 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, 248.229 da inizio emergenza.

12.474 le persone attualmente positive al coronavirus nel Paese, 18 in più rispetto a ieri. 41 le persone positive attualmente in terapia intensiva in Italia, una in meno rispetto a ieri. Sono invece 129 i pazienti guariti in un giorno, per un totale che sale a 200.589 dall’inizio dell’emergenza.

cms_18544/cov_tab_0308.jpg

Cinque le regioni italiane nelle quali non si sono verificati nuovi casi nelle ultime 24 ore: si tratta di Marche, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Valle d’Aosta e Basilicata. Con 34 nuovi contagiati, invece, l’Emilia-Romagna è la regione con più casi rispetto a ieri, seguita da Lombardia (25) e Veneto (22).

cms_18544/mportalità_coronavirus2.jpg

Sono 1 milione 482 mila gli italiani, il 2,5% della popolazione residente in famiglia (escluse le convivenze), che hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il Sars-CoV-2. E’ quanto emerge dai risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza presentata oggi e realizzata da Istat e ministero della Salute, mentre la Croce Rossa ha condotto la rilevazione sul campo con l’aiuto delle Regioni. Le persone che sono entrate in contatto con il virus "sono dunque 6 volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia, attraverso l’identificazione del Rna virale, secondo quanto prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità".

Come già evidenziato dai dati ufficiali in tema di mortalità e dai livelli di infezione, "le differenze territoriali sono molto accentuate. La Lombardia raggiunge il massimo con il 7,5% di sieroprevalenza: ossia 7 volte il valore rilevato nelle regioni a più bassa diffusione, soprattutto del Mezzogiorno. Il caso della Lombardia è unico - sottolinea il report - da sola questa regione assorbe il 51% delle persone che hanno sviluppato anticorpi. D’altra parte in Lombardia, dove è residente circa un sesto della popolazione italiana, si è concentrato il 49% dei morti per il virus e il 39% dei contagiati ufficialmente intercettati durante la pandemia: in alcune sue province, quali ad esempio Bergamo e Cremona, il tasso di sieroprevalenza raggiunge addirittura punte, rispettivamente, del 24% e 19%".

Oltre al record della Lombardia, il report Istat-ministero della Salute segnala una "forte differenziazione territoriale". Rispetto alla graduatoria regionale della prevalenza accertata, dopo la Lombardia segue dunque la Valle d’Aosta, con il 4%, e un gruppo di regioni che si collocano attorno al 3%: Piemonte, Trento, Bolzano, Liguria, Emilia-Romagna e Marche. Il Veneto è all’1,9% mentre otto Regioni, tutte del Mezzogiorno, presentano un tasso di sieroprevalenza inferiore all’1%, con i valori minimi in Sicilia e Sardegna (del gruppo fanno parte Puglia, Umbria, Basilicata, Campania, Molise, Calabria, Sardegna, Sicilia.

Dall’indagine "non emergono differenze significative per quanto riguarda il genere. Uomini e donne sono stati colpiti nella stessa misura dal Sars-CoV-2 così come emerso anche da studi di altri Paesi. Per quanto riguarda l’età, è interessante notare come il dato di sieroprevalenza più basso sia riscontrabile per i bimbi da 0 a 5 anni (1,3%) e per gli ultra 85enni (1,8%), due segmenti di popolazione per età verosimilmente più protetti e, quindi, meno esposti durante l’epidemia", rileva il report.

È asintomatico "quasi il 30% delle persone con anticorpi". "La percentuale di asintomatici è molto importante, perché evidenzia quanto ampia sia la quota di popolazione che può contribuire alla diffusione del virus. E quindi quanta attenzione ciascun cittadino deve porre alla scrupolosa applicazione delle misure basilari di sicurezza a difesa di se stesso e degli altri", sottolineano gli autori del report. Il 27,3% delle persone che ha sviluppato anticorpi non ha avuto alcun sintomo.

Oltre agli asintomatici – ed escludendo il 6,5% di non rispondenti – il resto si divide tra persone con uno o due sintomi (esclusa la perdita dell’olfatto e/o del gusto) che rappresentano il 24,7% e persone con almeno tre sintomi. Queste ultime includono anche coloro che presentano i soli sintomi di perdita di olfatto e/o di gusto, e rappresentano il 41,5% della popolazione che ha sviluppato anticorpi. Tra i sintomi più diffusi nell’ambito dei soggetti con uno o due sintomi si osservano la febbre (27,8%), la tosse (21,6%), il mal di testa (19,2%). I sintomi più diffusi dei soggetti con almeno tre sintomi oppure perdita di gusto o di olfatto sono: febbre (68,3%), perdita di gusto (60,3%), sindrome influenzale (56,6%), perdita di olfatto (54,6%), stanchezza (54,6%), dolori muscolari (48,4%), tosse (48,1%), mal di testa (42,5%).

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su