PERCORSI DI-VINI

Spirits Selection

1635215531R10_Spirits_Selection_r_10.jpg

Da pochi giorni si è concluso lo Spirits Selection, concorso dedicato ai distillati provenienti da ogni parte del mondo.

cms_23610/1.jpg

Quest’anno l’evento si è svolto nella magica cornice di Bruxelles dal 21 al 24 ottobre ed ha visto protagonisti più di 1800 campioni suddivisi in batterie per tipologia e nazionalità di prodotto.

cms_23610/2_1635214640.jpg

Sono stati chiamati a svolgere la funzione di giudice internazionale 90 professionisti provenienti da 28 paesi, l’Italia era rappresentata con 15 giurati selezionati secondo caratteristiche altamente professionali.

cms_23610/3.jpg

L’avvio dei lavori avviene a partire dalle ore 8,30 e prosegue fino alle 13,00 circa. Dopo un breve briefing iniziale i giudici, disposti su tavoli tondi da 5 componenti ognuno si vedono circondare dai ragazzi delle scuole alberghiere che provvedono ad espletare il servizio di sala gestendo le diverse batterie dei prodotti. Una sfilata di probabili e possibili eccellenze provenienti dal mondo, tra le quali potrebbero celarsi le future medaglie d’argento, d’oro e gran medaglia d’oro… eh si perché tutte le degustazioni vengono effettuate alla cieca, cioè non si conosce il nome dell’azienda partecipante, il nome del prodotto ed a volte non si ha menzione neanche della nazionalità e si va di intuito. L’esame è diviso in tre parti, visivo, olfattivo, gustativo. Per ogni analisi vengono assegnati dei punteggi seguiti da un commento finale che riporta anche la somma delle verifiche effettuate.

cms_23610/4.jpg

La concentrazione in sala è massima, il silenzio regna sovrano e l’unico rumore che si percepisce è il fruscio dei ragionamenti dei singoli giudici esaminatori. Rimanere concentrati dopo diverse batterie importanti come possono essere serie di whisky, gin, cachaca, rum, non è facile ma in ballo ci sono medaglie che possono fare la differenza commerciale per le singole aziende che avranno la fortuna di riceverle, vietato sbagliare… ed i giudici questo lo sanno e riconoscono la responsabilità dei punteggi che vengono assegnati con estrema attenzione.

cms_23610/5.jpg

Ma il concorso non è soltanto assegnazione di punteggi volti al raggiungimento di una medaglia, il concorso è uno scambio di opinioni con il “resto del mondo”, ci si confronta, nella restante parte della giornata, con esperti internazionali con i quali discutere delle nuove tendenze commerciali oppure ricevere informazioni dettagliate su una particolare nazione o su una tipologia di prodotto e questo lo si fa nel migliore dei modi, cioè ritrovandosi nella hall dell’hotel, oppure mentre si assiste ad una masterclass settoriale, oppure davanti ad una birra, in questo caso esclusivamente belga, in uno dei vari pub del centro storico. Il concorso, possiamo definirlo un incubatore in grado di sviluppare sinergie internazionali sfruttando la convivialità professionale derivante dalla voglia di confrontarsi per questa passione che come un fil-rouge lega i vari componenti.

cms_23610/6.jpg

Ma torniamo alle medaglie che sono state assegnate. I risultati si avranno soltanto tra qualche giorno e sarà nostra cura comunicarle, nell’attesa vi invito a degustare con la giusta ponderazione e nella modica quantità, qualsiasi distillato potreste avere a disposizione perché si potrebbe trattare di un possibile medagliato, ma attenzione, fatelo seguendo le regole internazionali, analisi visiva, analisi olfattiva, analisi gustativa, potreste sentirvi parte del concorso anche voi…

Buona degustazione

Carlo Dugo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos