PIL ITALIA,CONFINDISTRIA:"CRESCITA ZERO NEL "="£ E INFLAZIONE RECORD"

Pil_Italia,_Confindustria.jpg

cms_27828/1.jpegLo shock energetico abbatte le prospettive di crescita. Se il 2022 si appresta a chiudere con un brillante 3,4% superando così la prova Covid e rivedendo all’insù dell’1,5% le previsioni dello scorso aprile, già nel terzo trimestre la crescita del Pil comincerà a rallentare per scendere dello 0,6% nel quarto e toccare il -0,3% nel primo trimestre del 2023, consegnando ai dati del prossimo anno una crescita al ribasso pari a zero che porterà in media d’anno "l’Italia in stagnazione, alla quale si assocerà un’inflazione record". E’ questo il quadro tratteggiato dal rapporto del centro studi di Confindustria dal titolo ’economia italiana ancora resiliente a incertezza e shock?’. Previsioni caratterizzato da forti elementi di incertezza, dalle fornitura di gas Russo all’andamento della pandemia, dall’inflazione alla risalita del tassi di interesse. Da settembre in poi comunque, esaurita la spinta legata al gap da colmare rispetto al pre-pandemia, si manifesteranno "pienamente", scrivono ancora gli economisti di Viale dell’Astronomia, "gli effetti negativi dell’aumento dei prezzi dei prodotti energetici", si legge nel Rapporto.

Nella seconda metà di quest’anno dunque, "si assisterà a un progressivo indebolimento della crescita che culminerà, tra fine 2022 e inizio 2023, in un aggiustamento al ribasso dei livelli di attività", si legge ancora nel Rapporto che delinea però la possibilità di un "lento recupero", di un "aggiustamento "che avverrà sia dal lato della produzione, sia da quello dei consumi delle famiglie.

cms_27828/2_1665375404.jpg

Resta per il momento da recond l’inflazione salita rapidamente nel 2022, e arrivata al +8,9% annuo a settembre, su valori che non si registravano dagli anni Ottanta. "L’impennata dei prezzi energetici al consumo (+44,5% annuo) è responsabile di circa metà di tale aumento. Nella media del 2022 l’inflazione si attesterà al +7,5%, per poi ridursi parzialmente il prossimo anno (per l’effetto meccanico di un prezzo del gas ipotizzato fermo nell’orizzonte previsivo), ma su valori ancora doppi rispetto all’obiettivo della Banca Centrale".Per il 2023 il cs stima un livello dei prezzi al consumo al 4,5%.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram