PROPOSTE DI LETTURA – GIORGIO CAPRONI: ALBA

Nei vapori di un bar - Di Raffaele Floris (Poeta e scrittore)

03_SPAZIO_LETTERARIO.jpg

cms_19275/71h3OVsXKsL.jpgQuesta settimana proponiamo Giorgio Caproni (1912 – 1990), e la sua celeberrima Alba, dedicata alla moglie Rina. Caproni, poeta, traduttore, critico letterario, fu anche ottimo violinista, e se non intraprese la carriera musicale questo fu dovuto più all’emotività dell’esordio come violino di fila piuttosto che alla mancanza di talento. Terminato il magistero si dedicò all’insegnamento alle scuole elementari, Il 29 aprile 1941 il fante Caproni Giorgio scriveva: «Non addolorarti, Rinuccia mia. Verrà pure il tempo in cui avremo la grazia di ritrovarci riuniti per sempre. Basta avere fiducia in Dio e pregare, lo fai? Ne ho bisogno, Rinuccia. Io prego ogni sera per te». In Caproni, memorie e sentimenti non sono mai semplici e, soprattutto nelle poesie più antiche, si mescola a Rina il ricordo della prima fidanzata del poeta, Olga Franzoni, morta drammaticamente di setticemia nel 1936. Occorre tuttavia sottolineare che tematica ricorrente in Caproni è la presenza/assenza di Dio, e che le domande/risposte sulla metafisica sono interrogativi autentici e non semplici espedienti letterari.

Alba è una poesia del 1956. “nei vapori di un bar” è immagine di raro nitore e raffinatezza espressiva. Il tempo è sospeso nel gelo (altra tematica ricorrente in Caproni), il senso della fine incombente: ma il brivido dell’inverno è al tempo stesso il brivido dell’attesa: cambia solo la temperatura. Notiamo l’aggettivo “ermo” (solitario, deserto: come non ricordare l’ermo colle di Leopardi?). Un’espressione così antica e inaspettata per descrivere il rumore di un tram è un’altra grande invenzione con cui Caproni sembra invitarci a osservare la realtà prima di interpretarla: il poeta non è un modello, non è un filosofo, ma un essere che trema nel gelo per l’attesa dell’amata (o della morte). Si mette a nudo. Cerca un pertugio tra le nebbie. Nel tempo dilatato dell’attesa.

ALBA

Amore mio, nei vapori di un bar

all’alba, amore mio che inverno

lungo e che brivido attenderti! Qua

dove il marmo nel sangue è gelo, e sa

di rifresco anche l’occhio, ora nell’ermo

rumore oltre la brina io quale tram

odo, che apre e richiude in eterno

le deserte sue porte?... Amore, io ho fermo

il polso: e se il bicchiere entro il fragore

sottile ha un tremitìo tra i denti, è forse

di tali ruote un’eco. Ma tu, amore,

non dirmi, ora che in vece tua già il sole

sgorga, non dirmi che da quelle porte,

qui, col tuo passo, già attendo la morte.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos