PROPOSTE DI LETTURA - GIORGIO SIMONOTTI MANACORDA

L’anima del vino

L_anima_del_vino__03_SPAZIO_LETTERARIO.jpg

cms_20069/0.jpgGiorgio Simonotti Manacorda, (1915-1971), è uno dei tanti poeti ingiustamente dimenticati del ‘900 italiano. Figlio del forse più noto Oreste (il Sire di Villabella, luogo tuttavia inapprezzabile come la ventilazione di Sandro Ciotti), ingegnere, Grand’Ufficiale e presidente del Casale Calcio, nonché, per un biennio, dell’Ambrosiana Inter, di Giorgio non si avrebbero molte notizie né su Wikipedia né su Wikipoesia. Ci soccorre, per nostra fortuna, la meritoria tesi di laurea di Chiara Olivero (Casale Monferrato, 1980 - scrittrice e poetessa), che ringraziamo. Giorgio Simonotti Manacorda trascorse un’infanzia dorata nella splendida villa di famiglia, viaggiando anche all’estero in compagnia del padre. Nel 1944-45 partecipò alla resistenza con la qualifica di Partigiano combattente. Sposatosi nel 1945, frequentò il Blu bar, un ritrovo letterario milanese dove conobbe Carlo Bo, Luciano Anceschi, Vittorio Sereni, Luciano Erba. Più tardi, tornato a Villabella, conseguirà la laurea in Lettere. Dopo la morte della madre si dedicò, più per necessità che per passione, all’insegnamento presso la scuola media di Candia Lomellina (PV) e successivamente all’Istituto Commerciale Jaffe di Casale Monferrato. Ebbe un figlio, scomparso prematuramente, anch’egli poeta. La figura di Simonotti non è secondaria rispetto a un altro grande, Gennaro Pessini (Castelnuovo Scrivia - AL, 1941-1989), su cui torneremo in un’altra Proposta. Ecco una poesia tratta da “I banchi di Terranova” (Giulio Einaudi Editore, 1967), meritoriamente pubblicata sul sito www.larecherche.it. Ci vediamo lampi di Ghiannis Ritsos nel suo dettato poetico. Non lo crediamo un abbaglio.

L’anima del vino

E’ l’anima del vino che ritorna

nelle sere d’ottobre

quando nel fuoco danzano i folletti

batte alla porta il vento

come un brigante un vecchio bracconiere.

E tu l’accogli come i sogni

di frodo al fondo dei bicchieri:

è il grande amico è l’avventura

sulla spiaggia battuta di libeccio,

non rinchiuderlo l’uscio

appare la fanciulla in giustacuore

la favola vissuta e non ridetta mai.

Anche torna il dolore

(le bottiglie stanno laggiù

come soldati pazienti allineati

nelle trincee degli anni)

adagio si alimenta dentro l’anima

e si decanta illimpidisce

di scorie, non rimane che l’essenza

del puro sentimento il fiore.

Non contarli i bicchieri

senti il grido sottile degli aironi

(se ne vanno sul filo del fiume

e tu con essi ne hai la grazia

inconsapevole l’istinto

sei nuvola alto fiuto sospeso),

lascia la nebbia che si impigli

nei tralci deserti del cuore.

E’ questa l’anima del vino

è il sole sprigionato di un ottobre

il tempo che fu di tua madre

che ai dolci clivi sbocciava

ragazza in fiore; stasera

nel tempio dell’anima

sui muri che ondulano le ombre

ritornano quelle tue sere

padane persuase nel sonno.

Raffaele Floris

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram