PROTESTE IN IRAN, ESEGUITE ALTRE 2 CONDANNE A MORTE

PROTESTE_IN_IRAN,_ESEGUITE_ALTRE_2_CONDANNE_A_MORTE.jpg

In Iran sono state eseguite altre due condanne a morte in relazione alle proteste e ai disordini scoppiati lo scorso settembre dopo la morte della giovane Mahsa Amini, deceduta dopo essere stata arrestata per non aver indossato il velo in modo corretto.

cms_28975/Mohammad_Mahdi_Karami_e_Seyyed_Mohammad_Hosseini.jpg

Secondo quanto riferito da Mizan Online, agenzia di stampa legata alla magistratura, due uomini identificati come Mohammad Mahdi Karami e Seyyed Mohammad Hosseini sono stati giustiziati tramite impiccagione per l’omicidio di un paramilitare Basij, Ruhollah Ajamian, avvenuto durante le proteste.

La Guida Suprema dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, ha emesso un decreto che nomina il generale di brigata, Ahmad Reza Radan, nuovo capo della polizia. Radan, secondo l’agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, assumerà l’incarico dal momento che il suo predecessore, Hosein Ashtari, "ha portato a termine la sua missione" dopo otto anni di mandato. Khamenei ha chiesto a Radan, ex capo della polizia di Teheran, di "prendere delle misure per salvaguardare la sicurezza e garantire la tranquillità pubblica".

cms_28975/UE.jpgL’Ue è "inorridita" dalle ultime due esecuzioni capitali in Iran. E’ quanto si legge in una nota del portavoce dell’Alto rappresentante per la politica estera europea, in cui si sottolinea che "questo è un altro segno della violenta repressione delle manifestazioni da parte delle autorità iraniane".

"L’Unione Europea invita ancora una volta le autorità iraniane a porre immediatamente fine alla pratica fortemente da condannare di imporre ed eseguire condanne a morte nei confronti dei manifestanti -prosegue la nota. L’Ue invita inoltre le autorità ad annullare senza indugio le recenti condanne a morte già pronunciate nel contesto delle proteste in corso e a garantire un giusto processo a tutti i detenuti".

Infine l’Ue "ribadisce la ferma opposizione di principio all’uso della pena capitale in ogni momento e in ogni circostanza. La pena di morte è una pena crudele e disumana, che non funziona da deterrente al crimine e rappresenta un’inaccettabile negazione della dignità e dell’integrità umana. Inoltre, è una punizione definitiva che rende possibili errori giudiziari irreversibili".

Anna Maria Stanca

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram