QUARANTENA: AUMENTA IL RISCHIO FEMMINICIDI

L’allarme del Telefono Rosa: “situazione esplosiva”. La senatrice Valente: “il problema è strutturale”

QUARANTENA_AUMENTA_IL_RISCHIO_FEMMINICIDI.jpg

“È una situazione altamente esplosiva, la violenza c’è ed è moltissima. La situazione è peggiorata, i casi con le convivenze 24 ore su 24 a causa del coronavirus sono aumentati e fanno venire fuori rabbia, contraddizioni, motivazioni più disparate. Presto, in alcuni casi già non lo è, anche la questione economica diventerà sempre più un motivo di litigio tra le mura domestiche. La donna diventa spesso la valvola di sfogo".

È l’allarme lanciato da Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, presidente di Telefono Rosa, dopo l’ultimo femminicidio avvenuto nel Milanese.

Un problema, quello dell’aumento delle violenze domestiche dovuto alla situazione limite causata dalla quarantena, che sta diventando una vera e propria emergenza, in un campo già delicatissimo.

È ben noto che la stragrande maggioranza (80% circa) dei femminicidi avviene in ambito familiare, e così, sin dall’inizio del lockdown le associazioni più disparate si sono mobilitate per spargere il più possibile la consapevolezza, nelle vittime ancor prima che nelle altre persone.

Infatti, trovare il coraggio di chiamare (o contattare in chat, per evitare di essere scoperte) il numero 1522 per denunciare può davvero salvare la vita a chi si trova in pericolo. Un pericolo che a volte è difficile da riconoscere, perché procede strisciante, abuso dopo abuso, ingannando la vittima che finisce per credere di vivere una situazione normale, finché non accade l’irreparabile.

cms_17160/2_1587441542.jpg

Proprio la mancata prontezza nel denunciare è uno dei più grossi grattacapi a cui le associazioni per la difesa dei diritti delle donne cercano da sempre di far fronte. Spesso, diventa fondamentale l’intervento di una terza persona che sappia individuare la criticità in corso, supplendo così alla mancanza di strumenti della vittima. In piena quarantena, però, questo viene reso molto più complicato, aggravando ulteriormente il problema.

Tuttavia, afferma Moscatelli, “qualcosa si sta muovendo: sempre più persone fratelli, sorelle, vicini, parenti, le persone che sono a fianco alla vittima si stanno dando da fare e sono pronte a denunciare. Al Telefono Rosa sono un bel po’ gli uomini che ci chiamano per chiederci aiuto e questo vuol dire che la società ha recepito che esiste la violenza tra le mura domestiche". Un motivo di ottimismo, di fronte ad un dramma sociale enorme, per il quale è necessario un ulteriore intervento governativo, che sia più programmatico che emergenziale. "Venerdì scorso c’è stato un incontro con il governo. Al tavolo alcune delle associazioni più rappresentative come la nostra hanno discusso con i ministri Bonetti e Bonafede, la prima ha annunciato 3 milioni di euro per le case rifugio e centri antiviolenza, mentre con il Guardasigilli si è parlato del codice rosso. Mi aspettavo, però, anche un accenno sul dopo: è un errore lavorare sull’emergenza e mai sulla programmazione", ha detto la presidente di Telefono Rosa.

cms_17160/2.jpgUn’altra presidente, quella della Commissione Parlamentare sul femminicidio, la senatrice Valeria Valente, ha anch’essa sollecitato con forza l’azione: “Le donne vengono picchiate ogni giorno. Faccio due appelli. Il primo è rivolto alle donne: chiedete aiuto, già alle prime avvisaglie. Il 1522 è attivo, la Polizia ha un app apposita, i centri antiviolenza e le case rifugio sono al lavoro. L’altro ai professionisti dell’informazione: aiutateci a non derubricate la violenza di genere allo stress da quarantena. Questo è il momento in cui il femminicidio e la violenza di genere emergono con più gravità per quello che sono: fenomeni strutturali. Ma è proprio adesso, mentre si pianifica la Fase 2 della ripartenza e si disegna un futuro diverso, che dobbiamo spingere per costruire un’economia più inclusiva che garantisca più autonomia alle donne e a una società più equa”.

Giulio Negri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App