RILEGGENDO POESIA – GIAN RUGGERO MANZONI

Idee sovrane

RILEGGENDO__POESIA_–_GIAN_RUGGERO_MANZONI_BANDIERA-ITALIA.jpg

cms_27592/poesia.jpgUn altro nome semisconosciuto ai più, un altro poeta, o meglio artista a tutto tondo (come vedremo) che merita di essere preso in considerazione. Ne parlava già Paolo Lagazzi nel gennaio 2004 (n. 179) affermando: “In una scena gremita da milioni di attori in vesti poetiche, Manzoni è tra i pochissimi autentici poeti che fanno di tutto (o quasi) per non essere riconosciuti tali.” […] “Manzoni si è mosso negli anni suscitando non pochi sospetti.

Ma la sua opera si situa ben oltre i propri effetti scenici, per catapultarsi in luoghi (terrestri o celesti) vertiginosi e del tutto inesplorati. Squassato da visioni in fuga e teso a liberarne tutti i possibili oroscopi per le sorti del mondo, Gian Ruggero Manzoni ha scritto tanti, tanti libri, in versi e in prosa che occorrerà un giorno vagliare con l’attenzione che merita un vulcano sprigionante dai suoi abissi non lava comune, ma pietre preziose, figure arcaldiche, oro forgiato dagli sciamani…” Un vulcano, insomma, vibrante di desiderio inesausto di luce, una fornace creativa. D’altronde basta una visita sul sito personale dell’autore per rendersene conto: https://www.gianruggeromanzoni.it/ (il sito è aggiornatissimo, si possono ammirare le sue realizzazioni artistiche e scorrere l’elenco delle innumerevoli pubblicazioni, che per ragioni di spazio non possiamo riprodurre).

cms_27592/GIAN_RUGGERO_MANZONI.jpgConsigliamo ai nostri lettori di visitarlo con calma, mentre ci accingiamo a riportarne alcune notizie biografiche. Gian Ruggero Manzoni è nato nel 1957 a San Lorenzo di Lugo (RA), dove tuttora risiede. È poeta, narratore, pittore, teorico d’arte, drammaturgo, performer. Frequentato il Liceo Classico a Lugo di Romagna, nel 1975 si iscrive al DAMS di Bologna indirizzo Spettacolo. Nel 1977, a seguito dei fatti riguardanti il famoso “Marzo Bolognese”, lascia la città emiliana e parte volontario nelle Forze Armate. Negli anni successivi soggiorna per lunghi periodi in Belgio, in Francia e in Germania, dove frequenta quegli ambienti artistici. Insegna Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino dal 1990 al 1995. Come teorico d’arte, pittore e poeta partecipa ai lavori della Biennale di Venezia negli anni 1984 e 1986, edizioni dirette da Maurizio Calvesi. Ha al suo attivo oltre 50 pubblicazioni e 70 mostre pittoriche. Ama abitare in provincia e, come di solito dice, “dell’uomo di provincia possiede tutti i difetti, ma anche tutti i pregi”. Gian Ruggero Manzoni, fin da giovanissimo, per tradizione familiare, si dedica a studi riguardanti l’ebraismo, le filosofie occidentali e orientali, l’antropologia e la storia. Terminati gli studi liceali si interessa di musica, di cinema e dei linguaggi espressivi emergenti, in particolare del fenomeno definito, da linguisti come Tullio De Mauro, “lo slang giovanile… le nuove parole usate dai giovani”. È del 1980 il suo primo libro, scritto in collaborazione con Emilio Dalmonte, titolato “Pesta duro e vai trànquilo/Dizionario del linguaggio giovanile” (Ed. Feltrinelli). Nel 1981 si lega in amicizia col pittore Omar Galliani, assieme al quale inizia una proficua collaborazione che perdura tuttora. Nel 1983 incontra, a Londra, il graffitista Keith Haring poi entra nella redazione della rivista romana “Cervo Volante”, edita dall’artista Tommaso Cascella nonché diretta, in un primo tempo, da Adriano Spatola, quindi da Corrado Costa, poi da Edoardo Sanguineti insieme ad Achille Bonito Oliva. Nel 1985 mette in scena “Filokalia”, testo poetico-teatrale da lui recitato. In quel periodo il compositore Fernando Mencherini gli musica “La religione del suono”. Torna in Germania dove frequenta personalità artistiche del calibro di Penck, Lupertz, Beuys, Immendorff, Disler, Polke, Baselitz (partecipando a due seminari di pittura tenuti da quest’ultimo), quindi, di nuovo a Londra, avvicina Kenny Scharf, Bruce McLean e Jim Dine. Ritornato in Italia riallaccia i contatti con Andrea Pazienza, fumettista, già suo compagno di studi al DAMS di Bologna, Augusto Daolio, leader de “I Nomadi”, e con l’amico di sempre Pier Vittorio Tondelli. Nel 1986 è di nuovo alla Biennale di Venezia. Inizia a frequentare Giovanni Testori poi, assieme a Marisa Vescovo, Concetto Pozzati, Piero Dorazio, Roberto Sanesi, Vettor Pisani, Omar Galliani fonda la rivista “Origini” (Ed. La Scaletta) che dirigerà fino al 1998. Dal 1987, durante le sue letture poetiche, si fa accompagnare da musicisti jazz come Mario Gallegati, Nicola Franco Ranieri, Giorgio Ricci Garotti ai quali, nella seconda metà degli anni ’90, si affiancano il pianista-compositore Guido Facchini e il cantante-vocalista John De Leo. Comincia a collaborare con Lucrezia De Domizio e col di lei marito ‘Buby’ Durini. La compagnia teatrale Giocovita e Paolo Valli mettono in scena il suo testo “Per colui che è”, dedicato a Ezra Pound. La voce recitante è del regista Egidio Marcucci e le scene sono di Graziano Pompili. (continua su https://www.gianruggeromanzoni.it/). “Manzoni,” concludeva Lagazzi, “ci ricorda che non si finisce mai di dire addio, a chi amiamo e a ciò che amiamo: innamorati d’infinito e schiacciati dall’immensa finitudine.” Un artista che, malgrado tutto, c’incoraggia a resistere, a credere alla vita.

Idee sovrane


Nella prova devi decidere, poi,
all’occorrenza, comportati come il diamante
quando si trova fra l’occhio e l’orizzonte.
Esso riflette il verde, l’azzurro, il rosa,
l’oro, il rosso e il grigio …
qualora il cielo sia verde, azzurro, rosa,
oro, rosso e grigio,
ma, comunque, lui sempre brilla,
anche senza cielo, perché di luce propria
è la sua tempra.

Assimila ciò che vuoi, se ti va trasmettilo,
ma rammenta sempre chi sei,
perché sarà quello
che infine resta.

Raffaele Floris

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram