RIPARTIRE IN SERENITA’

Francesco esorta i fedeli durante il consueto Angelus

1623639640RIPARTIRE_IN_SERENITA’.jpg

Il tema della pandemia continua a tenere banco nonostante la lenta ripresa, soprattutto per tutti quei settori che sono stati duramente colpiti. Numerosi interrogativi, ma poche risposte certe per quello che è stato senza ombra di dubbio il periodo più difficile post conflitti bellici. In questo malumore generale anche la fede di numerosi cattolici ha vacillato, vedendosi negare anche le classiche celebrazioni solenni. La sfiducia ha preso piede, facendo emergere il peggio di noi. I buoni propositi del post pandemia sono stati disattesi, perché ognuno di noi è uscito diverso, amareggiato e arrabbiato. Il Papa ha percepito tutto questo, indicando più volte la via da seguire, ma anche in queto caso la speranza è stata vana. Infatti, anche nel Vangelo odierno Francesco rimarca la centralità della fede, capace di andare aldilà di ogni ostacolo. Certamente, visto tutto quello che ci sta succedendo risulta difficile credere o per lo meno richiede un grande sforzo interiore.

cms_22192/2.jpg

Per questo, la parola di Dio ci viene in soccorso, ricordandoci che basta poco per poter spostare le montagne, dipende tutto da noi e dalla nostra forza interiore. A rafforzare questo concetto ci pensa lo stesso Bergoglio, che a chiare lettere afferma: “E’ questa la nostra fiducia, è questo che ci da la forza per andare avanti ogni giorno con pazienza, seminando il bene che porterà il frutto”. Niente calcoli insomma, il nostro bene è osservato speciale da parte di Dio, che non getta nulla per la nostra salvezza. Coltivare fiducia, è questo l’atteggiamento che deve albergare in ognuno di noi. Questo discorso non vale solo per i fedeli, ma anche per i vertici vaticani. Anche per loro Francesco non usa mezze misure proseguendo: “Non dimentichiamo mai che i risultati della semina non dipendono dalle nostre capacità, dipendono dall’azione di Dio. A noi resta solo il compito di seminare. Pertanto, anche nella nostra noiosa routine quotidiana la presenza di Dio è costante, basta solo cercarlo con cuore umile e speranzoso.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos