RIPRENDE L’ACCETTAZIONE DI VISTI USA PER LAVORATORI,UNIVERSITARI E AU PAIR

A sancire l’illegittimità della loro sospensione il giudice federale Jeffrey S. White di San Francisco

1602715658Copertina.jpg

Nella scorsa primavera, all’alba dell’emergenza sanitaria tuttora in corso, migliaia di lavoratori internazionali hanno visto le proprie certezze crollare a seguito della sospensione dei visti J, H e L, disposta dal presidente Trump. Decisione, questa, la cui illegittimità è oggi definitivamente sancita dal sentenza del giudice federale Jeffrey S. White di San Francisco, il quale si è espresso in merito alla causa impugnata dalla NAM (National Association of Manufacturers – Associazione Nazionale dei Produttori), nonché da svariati enti fortemente impattati dal proclama del 22 giugno contro il DHS (Department of Homeland Security – Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti).

cms_19505/Foto_1.jpg

Dunque, già a partire dai prossimi giorni riprenderà l’emissione dei visti J-I, relativi ai programmi di scambio culturale Au Pair, Internship e Training; ok anche al programma Summer Work and Travel, riservato agli studenti universitari che trovano impiego nel turismo durante la stagione estiva. Infine, i lavoratori altamente qualificati potranno richiedere i visti H-1B o i visti L per trasferimenti interaziendali. Tra le aziende rappresentate meritano una menzione speciale i principali datori di lavoro della Silicon ValleyMicrosoft in primis – che richiedono costantemente lavoratori dall’estero per uno scambio di idee, di creatività e di skills fondamentale nelle aziende di alto livello.

Importante vittoria anche per ASSE International e EurAupair Intercultural Child Care Programs, due delle associazioni americane di scambi interculturali studenteschi e di ragazze alla pari più importanti e rinomate nel settore, designate dal Dipartimento di Stato Americano come Sponsor di visti J-1.

cms_19505/Foto_2.jpg

Le restrizioni hanno avuto un forte impatto sugli studenti e sui giovani lavoratori, questa è la prima buona notizia che arriva dopo mesi di speranze”, spiega Livio Ceppi, Presidente di Mondo Insieme (www.mondoinsieme.it), agenzia partner italiana di ASSE International e EurAupair, che ogni anno assiste centinaia di ragazzi nella realizzazione del proprio American Dream, con programmi di studio e lavoro. “Per i giovani italiani e internazionalipotersi confrontare con la cultura americana e formarsi all’interno delle aziende statunitensi è fondamentale. Il Coronavirus non ha bloccato le ambizioni dei giovani d’oggi e gli Stati Uniti continuano ad essere la meta di riferimento per la loro crescita professionale e personale”.

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos