SI FA PRESTO A DIRE TAGLI

Pregi e privilegi dell’Italia che parlamenta

1477452061SI_FA_PRESTO_A_DIRE_TAGL.jpg

“Fosse che fosse la volta buona” ha pensato più di un italiano apprendendo che ieri, l’assemblea di Montecitorio doveva esprimersi circa la proposta di legge sul taglio dei costi alla politica che il M5S ha portato in aula. Ovviamente chi sperava in una presa di posizione e di coscienza è stato disilluso. La coscienza poi è sempre più elastica nel nostro paese, anzi, resiliente, poiché per la psicologia “le persone resilienti sono quelle che, nelle circostanze avverse, riescono contro ogni previsione a far fronte alla contrarietà, dando un nuovo slancio alla propria esistenza”. Bisogna quindi immaginare questi poveri parlamentari sottoposti allo stress psicologico di dover esprimersi contro loro stessi. Chiunque di noi non si sarebbe ripreso facilmente dallo sforzo, ma loro invece no, a testa alta hanno votato, sfidando il popolo ostile. Altro che Ulisse…! Dimentichiamoci Enrico Toti.

cms_4778/foto_2.jpg

Le avversità della vita sono altre... Campare con 5.000 euro netti al mese ad esempio. Ah, sorte meschina! E così, grazie all’immane sacrificio con cui hanno scelto di non decidere loro stessi in merito al taglio economico, la proposta del M5S è stata rinviata ad apposita commissione della Camera, grazie al voto della maggioranza. Contrarie al rinvio in commissione tutte le altre forze politiche, tranne i conservatori - che lo dice il nome stesso - non sono favorevoli al cambiamento, ed i riformisti - che lo dice il nome stesso - sono per le riforme non per i tagli. Bisogna essere coerenti d’altra parte.

La proposta riguardava il taglio dell’indennità di base dello stipendio dei parlamentari, per arrivare a circa 5.000 euro lordi al mese al posto degli attuali 10.000. Ma siccome il lordo si ottiene sommando il netto alla tara, e loro tarati non si sentono, per quale motivo rinunciare al totale? Inoltre nella proposta venivano eliminati altri benefit, come le indennità aggiuntive previste per chi svolge altri incarichi interni alle Camere di appartenenza. Un’ipotesi per molti inconcepibile. Solo le categorie di lavoratori minori possono svolgere molteplici incarichi, percependo un solo stipendio. Ma il fiore occhiello del Bel Paese - la classe politica - non può sudare senza adeguato compenso, sarebbe uno svilimento onorevole. Ma loro onorevoli lo sono di diritto e pertanto non vogliono un raddoppio del titolo, gli basta quello delle entrate economiche.

cms_4778/foto_3.jpg

I deputati pentastellati, tra le altre voci della proposta, avevano inserito anche l’obbligo di rendere consultabile sul sito della Camera di appartenenza le rendicontazioni delle spese dei parlamentari, e qui per i cittadini è scattato l’applauso, ma per i chiamati alla votazione probabilmente è scattata la risata, almeno per chi ha espresso voto contrario. Non è destino evidentemente, che si metta mano ai costi del Parlamento, e non pochi tra gli eletti avranno pensato che con tutte le cose che sarebbero da rendere trasparenti nel nostro paese, proprio a chi rappresenta la nazione bisogna chiedere conto? Ma fidiamoci sulla parola, voglio dire, è lapalissiano che se abbiamo votato queste persone, è perché ci fidavamo di loro. Non le abbiamo votate personalmente, è vero, perché la legge elettorale attuale non consente di esprimere preferenza singola, ma solo alla lista, però sono quisquilie, bazzecole, inezie. Ciò che conta è aver espresso la propria preferenza in merito alla maggioranza che ci deve governare. Non abbiamo votato nemmeno per questa maggioranza, verissimo, ma insomma, ciò che conta è sapere che difendono i nostri interessi come fossero i loro e non i loro interessi come fossero i nostri. Oppure è il contrario?

Paolo Varese

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram