Spagna, l’annuncio di Juan Carlos:"Lascio il Paese"(Altre News)

Nyt:"Trump indagato per frode da procura Manhattan" - Somalia, attentato suicida a Mogadiscio: almeno 5 morti -

MONDO_4_8_20.jpg

Spagna, l’annuncio di Juan Carlos:"Lascio il Paese"

cms_18541/spagna_juan_carlos_fg_ipa.jpg

Il re emerito di Spagna, Juan Carlos I, ha annunciato al figlio la propria "meditata decisione di trasferirsi fuori dalla Spagna" di fronte alle "ripercussioni pubbliche" delle notizie relative ai suoi conti all’estero e "per contribuire" allo svolgimento da parte del figlio delle sue funzioni di capo dello Stato "con la tranquillità" che la carica richiede.

Nella nota divulgata dalla Casa del Rey, rende noto ’El Pais’, non si specifica in quale paese Juan Carlos abbia deciso di trasferirsi né in quale momento intenda lasciare il palazzo de la Zarzuela, dove ha risieduto negli ultimi 58 anni. Una decisione, quella di Juan Carlos, volontaria, anche se trova il consenso del figlio, che ha reagito esprimendo il "proprio senso di rispetto e gratitudine" per quanto stabilito dal padre. Juan Carlos I non perderà il suo titolo onorifico di re, che gli è stato concesso con decreto reale nel giugno 2014, pochi giorni prima che abdicasse.

“Maestà, caro Felipe - si legge nella lettera indirizzata da Juan Carlos al figlio - con lo stesso impegno a servire la Spagna che ha ispirato il mio regno e di fronte alla ripercussione pubblica che stanno provocando alcuni fatti passati della mia vita privata desidero manifestarti la mia assoluta disponibilità a contribuire a facilitare l’esercizio delle tue funzioni con la tranquillità e la quiete che richiede la tua alta responsabilità. La mia eredità e la mia dignità personale me lo impongono".

"Un anno fa - prosegue - ti ho espresso la mia volontà e desiderio di cessare di svolgere attività istituzionali. Ora, guidato dalla convinzione di prestare il miglior servizio agli spagnoli alle loro istituzioni e a te come re, ti comunico la mia meditata decisione di trasferirmi in questo momento fuori dalla Spagna". "Una decisione che prendo con profonda partecipazione ma anche con grande serenità. Sono stato re di Spagna per 40 anni e sempre ho voluto il meglio per la Spagna e per la Corona. Con la mia lealtà di sempre. Con l’affetto di sempre. Tuo Padre".

Secondo il comunicato della Casa del Rey Felipe VI ha comunicato al padre il suo "profondo rispetto e la sua gratitudine per la decisione". "Il re desidera sottolineare l’importanza storica rivestita dal regno di suo padre come eredità ed opera politica e istituzionale di servizio della Spagna e della democrazia e al tempo stesso vuole riaffermare i principi e i valori sui quali essa si fonda, nel quadro della nostra costituzione e del resto dell’ordinamento giuridico", conclude la nota.

Nyt:"Trump indagato per frode da procura Manhattan"

cms_18541/Trump_mano_serio_Afp.jpg

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus R. Vance Jr. ha lasciato intendere di aver indagato sul presidente Donald Trump e la Trump Organization in relazione a possibili frodi bancarie e assicurative, un’indagine significativamente più ampia di quella di cui i pubblici ministeri hanno riconosciuto l’esistenza in passato. A scriverne è il New York Times, citando documenti di tribunale in cui si sostiene che i contabili di Trump dovrebbero rispondere alla citazione che riguarda otto anni delle sue dichiarazioni dei redditi personali e societari.

Trump aveva chiesto a un giudice di dichiarare il mandato di comparizione non valido. Fino ad ora, ricorda il quotidiano americano, l’indagine del procuratore distrettuale era apparsa in gran parte focalizzata sui pagamenti effettuati prima delle elezioni presidenziali del 2016 a due donne che hanno detto di aver avuto un legame con Trump. Nei nuovi documenti, i pubblici ministeri non hanno identificato direttamente l’oggetto della loro inchiesta, ma hanno fatto riferimento ad affermazioni "indiscusse" presenti nei precedenti documenti di tribunale e a diverse notizie circa le pratiche commerciali di Trump che avrebbero dimostrato come esistesse un’ampia base giuridica a giustificazione della citazione.

Somalia, attentato suicida a Mogadiscio: almeno 5 morti

cms_18541/somalia_mogadiscio_attentato_ambulanze_afp.jpg

Almeno cinque persone, compreso l’attentatore, sono morte a seguito di un attentato suicida in un popolare ristorante di Mogadiscio. Lo hanno riferito fonti della polizia somala.

Il ristorante preso di mira dall’attentatore suicida è frequentato dalle forze di sicurezza governative e dai lavoratori portuali. La maggior parte delle vittime, ha riferito il funzionario di polizia Ali Hassan Kulmiye, sono civili. La potente esplosione è stata avvertita in molte parti della città, mentre una spessa colonna di fumo si sprigiona dal luogo della deflagrazione. L’attentato non è ancora stato rivendicato, ma i sospetti ricadono sui miliziani islamisti di al-Shabaab.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App