Stati Uniti: i primi test sui robot militari

Stati_Uniti_i_primi_test_sui_robot_militari.jpg

Scenari apocalittici. Distruzione, strenua lotta, strategie rapide e imprevedibili. Le guerre future si combatteranno in modo completamente differente: sabotaggio delle comunicazioni tramite diretti attacchi nello spazio e controllo a distanza di pesanti e potenti mezzi militari. Non si tratta di idee futuristiche contenute in un romanzo fantascientifico, bensì dell’agghiacciante verità. L’esercito degli Stati Uniti, infatti, ha pubblicato un annuncio sul suo sito ufficiale, rivelando l’inizio di un programma di addestramento, mirato all’apprendimento della conduzione e gestione di mezzi militari, tramite controllo remoto. A tal fine sono stati adattati degli M113, cingolati, originariamente destinati al trasporto di truppe, dotati adesso di un’opzione di controllo a distanza e di un mitragliatore da 7,62 mm. La sala di controllo sarà collocata in un altro veicolo, un Bradley Fighting Vehicle, cingolato, largamente adoperato durante la guerra in Iraq.

cms_13503/2.jpg

I primi test saranno effettuati nel marzo 2020, in Colorado, nella base militare di Fort Carson. Saranno utilizzati due veicoli di controllo, due Bradley migliorati, definiti Mission Enabler Technologies-Demonstrators. A maggio, invece, e nel 2021 sono previste alcune dimostrazioni in Europa, con l’impiego di un numero sempre maggiore di mezzi pesanti. Tuttavia, le sperimentazioni in questione, svolgono prevalentemente una funzione di rodaggio, volte a raccogliere informazioni utili sull’effettiva utilizzabilità dei mezzi stessi e sulle reazioni degli operatori coinvolti. Il capo dell’Emerging Capabilities Office dell’esercito, David Centeno Jr. afferma: “Non abbiamo mai avuto soldati operanti con MET-Ds prima d’oggi. Stiamo chiedendo loro di utilizzare i veicoli in un modo mai visto prima”. Il feedback fornito dagli operatori sarà essenziale per apportare gli opportuni cambiamenti e miglioramenti al fine di facilitare le future fasi del programma.

cms_13503/3.jpg

Come ci si può aspettare, alcuni imprenditori di spicco del settore tecnologico e della ricerca sull’intelligenza artificiale hanno manifestato le loro perplessità sui killer robot: “Una volta sviluppati permetteranno di combattere su una scala mai vista prima e con tempistiche talmente veloci da non poter essere comprese dagli uomini”.

Elena Indraccolo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App