TWITTER IN ABBONAMENTO: NASCE ‘BLUE’

Quanto costerà e quali saranno i vantaggi?

1623347234Copertina.jpg

È da ormai metà 2020 che sono nati dei rumor su una possibile versione a pagamento di Twitter e, negli ultimi giorni, negli Usa sembrano esserci stati nuovi dettagli in merito. A scoprire nome e prezzo è stata Jane Manchun Wong, nota e affidabile esperta di “reverse engineering” che esaminando le linee di codice del social avrebbe individuato questo nuovo servizio a pagamento. Si chiamerà Twitter Blue e sarà disponibile per il momento solo in Australia e Canada a circa 3,49 dollari canadesi o a 4,49 dollari australiani al mese, ed includerà alcune funzioni riservate come la possibilità di annullare un Tweet entro 6 secondi da quando l’utente ha premuto il tasto “Pubblica”. Una soluzione alternativa al tanto atteso tasto “modifica tweet” che per il momento non vedrà ancora la luce e che risparmierebbe agli utenti la trafila del “cancella, riscrivi, ripubblica”.

cms_22158/foto_1.jpg

Un’altra funzione sembrerebbe essere quella relativa ai “Bookmark”, ovvero segnalibri per salvare e organizzare i messaggi e una modalità Reader che permetterà di leggere più agilmente tweet e discussioni particolarmente lunghe. Secondo quando scoperto da Wong, Twitter starebbe lavorando a un modello di abbonamento a più livelli (similmente a quello di Twitch) che, a suo dire, potrebbe tradursi in un social network con più funzioni per gli utenti che pagano per i livelli più alti.

cms_22158/foto_2_.jpg

Di conseguenza l’integrazione di questi sistemi permetterebbe al social network di guadagnare qualcosa in più rispetto agli introiti che di norma registra dalla vendita di spazi pubblicitari sulla piattaforma che, a detta della stessa, sono molto più variabili. Almeno per quanto riguarda l’abbonamento “base”, non sembrerebbe offrire cose talmente tanto appetibili da giustificare un abbonamento mensile, dato che alcune delle novità proposte come i Segnalibri o il Reader potevano essere facilmente sopperite usando Browser come Firefox o Google Chrome. Infine, resta da chiarire quale sarà l’offerta completa, come verrà accolto il programma, e quali saranno le aree del globo coinvolte nell’introduzione della nuova versione, sia in quella che sarà la fase di rilascio che in seguito.

Francesco Maria Tiberio

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos